venerdì 27 giugno 2008

Lorenzo nuota!

In questi giorni sono in vacanza dalle nostre parti nonni materni, con zii e cugino Alessandro al seguito, si sono sistemati in uno splendido residence con piscina e io e famiglia tutti i giorni li omaggiamo della nostra piacevole presenza (sfruttiamo cioè il fatto che abbiamo una piscina per passare li gran parte della giornata).

Ovviamente il parentame ha voglia di coccolarsi Lorenzino e noi glielo lasciamo fare, non lo vedono spesso e in queste circostanze glielo facciamo godere al massimo (quando piange, è insopportabile, urla e fa le bizze glielo appioppiamo ed andiamo a fare un bagno in piscina).

Tutti i giorni mettiamo Lorenzo almeno 10 minuti nell'acqua della piscina, lui sembra gradire molto, sia dentro la sua piccola astronave gonfiabile sia in braccio a noi, dove si sbizzarrisce nel nuoto, sgambetta felice e ride a più non posso! (ci guarda e pensa:ma chi me l'ha fatto fare...per fare due vasche a nuoto devo aspettare che si voltino tutti...)

martedì 17 giugno 2008

Lorenzo gioca da solo




Lorenzino sta crescendo, sta diventando indipendente...hem, cioè, intendo che possiamo lasciarlo perfino 5 minuti (cinque!!) a giocare da solo senza che incrini i vetri delle finestre con i suoi strilli!
Ha una sua coperta personale all'interno della quale abbiamo messo un'altra copertina-giochi per amorignoli, completa di giochini attaccati con un filo, musiche e uno specchio.
Lo mettiamo li e per 5 minuti possiamo far finta di dimenticarci di lui, inizia a strisciare a mo di verme (verme...vabbè....ma in fondo non assomiglia alla mamma?? he he! ) dilettandosi a giocare coi giochini, fino a che cappotta e resta a sgambettare a pancia in su come una tartaruga rovesciata.

A quel punto basta rigirarlo nel verso giusto e per altri 5 minuti si rimane tranquilli, se ci giriamo 30 secondi lo dobbiamo andare a recuperare al di fuori della coperta,senza capire come abbia fatto ad arrivarci visto che quando lo guardiamo non si muove...mah...

Quandi si è stufato si gira a guardarci con espressione maligna, con sguardo che dice:
"su prendetemi in braccio,non fatemi urlare,schiavi"

Se non ci muoviamo apre la bocca e fa finta di urlare...

Se non ci muoviamo allora inizia la sinfonia,che non si placa nemmeno quando lo prendiamo, infatti ci guarda e sembra che dica:
"ora pagate le conseguenze, avevate solo da prendermi prima,come se non lo sapeste,tonti!"

Godiamocelo finchè non inizia a camminare e sulla coperta ci rimarrà pochi secondi....

domenica 15 giugno 2008

Recensione: "il mio bambino non mi mangia" CARLOS GONZALES

Quando Lorenzo era appena nato ho letto questo libro.
Mi ha aiutata e mi aiuta tuttora.

Ho vissuto (e vivo) in modo sereno l'allattamento e sto vivendo in modo sereno lo svezzamento.

Pare che la frase che i pediatri sentono più spesso sia "il mio bambino non mi mangia" eppure di bambini denutriti dalla nostra parte del mondo se ne vedono pochi.

I bambini vengono spesso costretti, con ricatti, con le buone o con le cattive a finire il piatto.

Serve davvero? O si crea solo un rapporto malato con il cibo?

Immaginate se veniste costretti a mangiare anche quando non ne avete bisogno? come vi sentireste?

Gonzales ci insegna a non costringere i bambini a mangiare, mai, per nessun motivo.

A offrirgli cibi sani (dolci e simili solo per le occasioni) e a fidarci del loro istinto di autoregolazione.

Ci insegna a vivere serenamente lo svezzamento, non esistono schemi fissi o cibi necessari, ogni cibo è sostituibile con molti altri, quello che conta è la gradualità.

Ci insegna il valore dell'allattamento al seno, ma insegna anche alle mamme che allattano con il biberon a non preoccuparsi se i bimbi non lo finiscono.

I nostri cuccioli hanno un ottimo istinto di autoregolazione, gli obblighi non fanno altro che rovinarlo.

Fidiamoci di loro.

Quasi introvabile in libreria in Italia lo trovate qua
http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__il_mio_bambino_non_mi_mangia.php

venerdì 13 giugno 2008

Svezzamento

Lorenzo ha compiùto 6 mesi il 4 giugno.

dai 5 mesi e mezzo abbiamo iniziato con successo lo svezzamento.

Sembra quasi non vedesse l'ora di mangiare altro.

Ora mangia, tutti e 4 i pasti principali (pappe a pranzo e cena frutta a colazione e merenda) e a volte un biscottino.

Continua a prendere la tetta naturalmente, quando sono con lui me la chiede di continuo (se non ci sono non si dispera però), la vuole soprattutto dopo le pappe quando posso come completamento credo.

Per mia scelta gli preapariamo quasi tutto in casa.

Sta crescendo questo cucciolo...mangia già..ha quasi 2 dentini.

Eppure ho partorito ieri...o forse no vero?

mercoledì 11 giugno 2008

Primo dentino!


In questi giorni abbiamo notato all'interno della bocchina di Lorenzino un piccolo buchino, io volevo portarlo all'ospedale ma Elena mi ha detto che sta spuntando il primo dentino!


In effetti in questi sei mesi avrei dovuto notare che non è nato con i denti....


Vabbè, cento di questi biscottini!

sabato 7 giugno 2008

Pasta aglio olio e peperoncino e tentativi di omicidio

Più o meno è andata così, l'inizio è coinciso con la solita nefasta domanda rivoltami dalla moglie:
cosa vuoi mangiare per pranzo?
Io (indeciso): boh!
Moglie (scocciata): decidi!
Io (felice): pasta aglio olio e peperoncino!
Moglie (sorpresa): no!
Io (deluso): perchè?
Moglie (sicura): perchè a me non piace!
Io (dubbioso): devi prepararmela,non mangiarla.
Moglie (rassegnata): ok....quanti peperoncini ci vuoi, due o tre?
Io (sconcertato): che ne so! mettine 3,mi piace mangiare piccante..

L'acqua bolle,la pasta cuoce, viene condita e portata in tavola.

Moglie (entusiasta): vedrai come ti piacerà!
Io (affamato): ne sono sicuro!

Prima forchettata: mi bruciano gli occhi,la gola, il naso, le orecchie, divento rosa, rosso, rosso pompeiano,rosso porpora, viola, violaceo.
Credo di morire, ma non cedo, seconda forchettata: mi brucia la gola, lo sterno cleido mastoideo, lo stomaco, l'intestino tenue, l'intestino crasso, la cistifellea, mi esce il fumo dalle orecchie come nei cartoni...

Io (in stato semi comatoso): ma che cazz.......
Moglie (allegra): che c'è?
Io (in stato comatoso): muoio....
Moglie (leggermente preoccupata ma decisa): mio papà ne mette anche di più di peperoncino!
Io (in coma semi vegetativo): ma vaff.......
Moglie (dispiaciuta): ok,ti do un paio delle mie patatine.
Io (clinicamente morto): troppo tardi...

Per la cronaca di peperoncini ce ne voleva mezzo, non tre!!