sabato 26 dicembre 2009

E' passato Babbo Natale!!

Da casa dei nonni è finalmente passato Babbo Natale!

E' venuto ovviamente di notte perchè Lorenzo non lo vedesse, dato che l'unica volta che lo ha visto,all'asilo, pensava di vivere in un film horror...

E' arrivato Babbo Natale dicevo, passando non si sa da dove, visto che il camino non c'è, spero solo che non sia arrivato dallo scarico del bagno visto che la moglie aveva la diarrea e ha passato mezza nottata seduta sul water.

Fatto sta che ha portato tanti regali a noi e soprattutto a Lorenzo, tanti giochi per sviluppare la creatività dell'amorignolo, farlo divertire, farlo interessare...sono giochi adatti ai bambini di 2 anni appunto.

Tra questi uno splendido trenino che va a pile, con una pista in legno da montare (ci sono stato mezzo pomeriggio), con cui Lorenzo può sbizzarrirsi, adattissimo alla sua età.

Ecco il video,come volevasi dimostrare:

PS: Lorenzo tu questo non lo vedrai mai!

video

giovedì 24 dicembre 2009

Buon Natale!!

Anche quest'anno Natale a Torino dai nonni materni di Lorenzo e anche quest'anno c'è la neve!

Lorenzo ieri pomeriggio l'ha apprezzata molto quindi stamani mi ha preso per mano e mi ha riportato ad assaggiarne l'atmosfera particolare.

Ci siamo quindi vestiti come si deve e siamo andati fuori a giocare nella neve, ho pubblicato uno dei video che ho fatto.

Grazie alle origini mie (al mare) e a quelle di moglie (al freddo) l'amorignolo può assaporare sia mare che montagna, sia caldo che neve.

Col video che riprende Lorenzo sulla neve colgo l'occasione di augurare a tutti Buon Natale!!

video

martedì 22 dicembre 2009

Recita di natale all'asilo!



Oggi è il gran giorno della recita di Natale!

Fin dal risveglio siamo tutti in gran fermento, moglie che saltella da una parte all'altra della camera, chiedendosi se un ora e mezza sarà sufficiente per vestire Lorenzo e fargli fare colazione, io che brandisco un libro e sto cercando di tirarglielo per colpirla a una tempia, e Lorenzo che se la dorme alla stragrande.

Siamo pronti per uscire, Lorenzo recita nella parte principale, ovvero quella dell'angioletto, un complicatissimo ruolo chiave in cui deve stare lì e non fare assolutamente nulla...

Prima di uscire, con le lacrimine ai nostri occhietti, gli facciamo qualche foto, vestito da angelo e in partenza verso l'asilo.
Il vestito, come potete vedere dalle foto, era della moglie quando era piccina, quindi da femminuccia (nonostante moglie affermasse che gli angeli sono asessuati) e col posto per le tettine....

Le ali non sono state messe e non solo perchè l'amorignolo riesce a volare anche senza, ma anche perchè il giubbotto gliele avrebbe spiegazzate.

Purtroppo le foto ufficiali, fornite di Copyright, sono state scattate a teatro..hem, all'asilo, per cui non sappiamo quando ne verremo in possesso, ma quando succederà verranno sicuramente pubblicate.

Inizia la recita, i genitori vengono fatti accomodare in platea, a pochi metri dal palcoscenico, ed ecco che entrano gli attori.

La recita rappresenta un presepe, l'amorignolo viene piazzato in mezzo alla scena assieme a tutti gli altri angioletti...che aria angelica che ha!

Il coro,formato da 6 o 7 mamme volontarie (ho impedito a moglie di candidarsi onde evitare pericolose scene di rivolta da parte di attori e genitori), intonava le canzoni di natale, ed ecco come è proceduta la recita di Lorenzo:

All'inizio in piedi, poi si è seduto, poi si è sdraiato, poi ha pensato "perchè devo sdraiarmi per terra??" e si è sdraiato sul bambino di fianco, iniziando anche a picchiarlo.

Il bambino di fianco era però un piccolo energumeno (grande amorignolo, non ha paura di nessuno!) e quando ha reagito per l'amorignolo le cose si stavano mettendo male, fortuna ha voluto che una maestra abbia redarguito il barbaro energumeno che, essendoci rimasto male, si è allontanato.
PS: comunque Lorenzo, mai cercare di picchiare bambini più grandi e grossi, ma babbo non ti ha insegnato niente???
Le canzoni proseguono e Lorenzo si alza in piedi e comincia a ballare, l'unico di tutti i bambini (lo faceva anche a casa ma ci chiedevamo il perchè..).

Dopodichè,stufo, ha afferrato alla gola la bambina che gli sedeva davanti e ha cercato di strangolarla, ma è stato solo un attimo, il ballo in fondo era più divertente.
La fine della recita è coincisa con l'arrivo di babbo natale.

L'amorignolo, terrorizzato, è scappato...

Moglie ha provato a portarlo da babbo natale, che in fondo dava a tutti un regalo (un cd dell'asilo, carino per carità, peccato che Lorenzo non venga mai inquadrato...), ma lui dopo varie rimostranze si è messo pure a piangere.

Abbuffata finale, con roba da mangiare salata e dolce, bibite, un po di spumante e.....ci si vede l'anno prossimo!!

giovedì 17 dicembre 2009

E' arrivato il freddo!

Sembrava ieri, e forse lo era, quando io e Lorenzo ci guardavamo, sdraiati in spiaggia sotto l'ombrellone, con un cocktail analcolico alla frutta sul mio tavolino e uno al latte sul suo, un romanzo sul mio tavolino e un librino della Pimpa sul suo,un sigaro cubano tra le mie labbra e un lecca lecca tra le sue.

Faceva caldo, ci guardavamo e speravamo che la cosa potesse finire, speravamo di poter presto riporre i cammelli in garage per passare ai gatti delle nevi.

Ed ecco che il freddo è arrivato, lo abbiamo avverito qualche mattina fa quando, di ritorno dall'asilo, abbiamo dovuto litigare con un orso polare per un parcheggio e con un pinguino che ci chiedeva una sigaretta.
Lorenzo ha presto imparato la parola "eddo!!" senza che avessi ancora avuto il tempo di dire "che freddo", forse glielo ha insegnato la foca che vuole giocare a palla con lui davanti all'asilo.
Nell'attesa di climi più miti, potete vedere da foto come io e Lorenzo ci stiamo difendendo bene dal freddo!:-)

giovedì 10 dicembre 2009

Lorenzo informatico

Moglie passa gran parte del suo tempo in cui è al pc sul forum (bellissimo tra l'altro) Noi Mamme, parla anche con le sue amiche tramite MSN.

Lorenzo ovviamente non vuole essere da meno e quando moglie ha bisogno di un consiglio su cosa scrivere sul forum lui interviene e le sbroglia la situazione (vedi video).

Su MSN invece si fa riconoscere e poi intrattiene amabilmente le sue ospiti, proprio oggi nella finestra con la quale moglie fino ad un minuto prima parlava con due amiche aveva scritto:

GAGAAA;

jusegf;

934t7yirugh;

kjkjkjkjkjkj

Tutte argomentazioni peraltro molto interessanti.

Si sta proprio emancipando su tutto il mio amorignolo!:-)

video

martedì 8 dicembre 2009

Secondo compleanno di Lorenzo: la festa!










Ritrovo ore 13 all'agriturismo "La fonte di Vivalda" a San Lorenzo, paese scelto esclusivamente perchè aveva lo stesso nome del festeggiato.
Ci siamo tutti, compresi i mie zii che prima hanno deciso di farsi una passeggiata nelle sperdute e desolate lande della val di Cornia nonostante il Tom Tom.

Arriva il cibo, tutto buonissimo, ci divertiamo tutti, parliamo e conversiamo, Lorenzo intrattiere amabilmente gli ospiti, fino al momento cruciale: la torta!

In verità di torte ne arrivano due, una, più grande, per Lorenzo, e l'altra, più piccola, per il nonno paterno,che aveva compiuto gli anni qualche giorno prima mentre noi avevamo fatto finta di dimenticarcene,per potergli fare poi una sorpresa.

Siamo tutti pronti con macchine fotografiche, telecamere, giornalisti, reporter etc per il grande evento: Lorenzo avrebbe spento la candelina rappresentante il numero due, si conta anche di porgli la domanda "quanti anni hai?" e che lui risponda "due", come da varie prove a casa.

Ed ecco ciò che non ti aspetti.

Arriva la torta, viene accesa la candelina e cantata la canzoncina: "tanti auguri a teeee, tant...."

Dopo 3 secondi dall'inizio della canzone Lorenzo inizia a piangere a dirotto come se lo stessero scannando!

Inutili i tentativi di consolarlo, piange e piange.

La torta rappresentava uno dei suoi personaggi preferiti, Winnie the Pooh, così la moglie, astuta come una volpe, decide di fare a fette la torta per fargliela mangiare: la prima coltellata recide la giugulare a Winnie the Pooh, la seconda lo decapita, e Lorenzo ai pianti a dirotto aggiunge un desolato "Uinni puuuuuuu!!!!!"

Decidiamo allora di dargli i regali, il nonno entra trionfante con la moto Ducati 1098 Peg Perego, ed esce poco dopo rincorso da un Lorenzo sempre più piangente e inferocito!

Proviamo ad intonare un altro "tanti auguri a teeee", Lorenzo piange ancor di più.

Alla fine mentre moglie consola il piccolo noi mangiamo la torta e brindiamo con lo spumante, dispiaciuti per la reazione di Lorenzo.

Zoe comincia a piangere per solidarietà col cugino, comincia a brandire qualsiasi oggetto contundente le capiti tra le mani, visto che non si può sottovalutare la potenza esplosiva di una bambina di 3 mesi i genitori, lo zio Daniele e la zia Lidia, battono in ritirata e abbandonano la contesa prima del tempo...non senza aver mangiato la torta,intendiamoci!

Il pranzo è finito, ci alziamo per andarcene, usciamo nel cortile del ristorante e Lorenzo si tranquillizza e comincia a familiarizzare coi regali, gioca con la moto, la porta in giro (senza salirci sopra però, non si sa mai) ed è contento come non mai.
In seguito abbiamo capito che il colpevole della sua tristezza è la canzoncina "tanti auguri a teeee",abbiamo infatti riprovato in seguito con lo stesso risultato.

Non ho una spiegazione razionale a tutto ciò, se non che anche i supereroi hanno le loro debolezze..

PS: le foto di Lorenzo con torta sono antecedenti all'inizio della canzoncina e quindi dall'inizio delle scene interiche!

venerdì 4 dicembre 2009

Lorenzo,oggi compi 2 anni, buon compleanno!!!










Caro Lorenzo,
chi ti scrive sono io, il tuo babbo, per dirti che oggi sono 2 anni che fai parte della mia vita, nella speranza che,quando un domani leggerai questa mia, potrai condividere parte delle emozioni che sto provando.

Mi rivolgo direttamente a te anche se in questo momento non sei in grado di leggere, ne di capire.

Sono già due anni che fai parte della mia vita, due anni che hai cambiato la mia vita.

Due anni di gioie,vedendoti nascere, vedendoti fare progressi,vedendoti imparare a parlare, vedendoti giocare spensierato, vedendoti fare gesti affettuosi nei miei confronti, vedendoti inserire così bene all'asilo e giocare con tutti i tuoi amichetti.

Due anni di paure, quando ti abbiamo portato al pronto soccorso perchè non stavi bene, quando il giorno dopo essere nato hai dovuto passare 3 giorni in una camera asettica perchè avevi un'infezione, quando semplicemente cadevi nel tentativo di imparare a correre.

Ogni volta per me era un tuffo al cuore, come quando all'inizio non volevi stare all'asilo e quando ti ci portavo piangevi e mi tendevi le manine...

Da quando quella notte di due anni fa siamo corsi in pronto soccorso e dopo 4 ore circa ti cullavo tra le mie braccia la mia vita è fortemente cambiata, tanto da chiedermi che senso aveva la vita prima che tu nascessi, tanto da chiedermi che senso avrebbe la vita senza di te.

Non vorrei che questa mia lettera fosse troppo smielata, oggi abbiamo festeggiato il tuo compleanno anche se la festa vera la faremo domenica con tutti i parenti, e voglio raccontarti le piccole cose che abbiamo fatto.

Piccole cose,ma che per no vogliono dire molto, e lo stesso vorrei che fosse per te.

Quando la mamma ti ha svegliato per andare all'asilo ti ha cantato "tanti auguri a te, tanti auguri a te" e tu le hai risposto "No, ninna nanna, egni uce!" (no, ninna nanna, spegni la luce!).

Poi te l'ho cantata io una volta arrivato a casa, e probabilmente mi avrai preso per scemo, o semplicemente non capivi cosa ci fosse preso oggi, ti abbiamo anche assicurato che non facciamo uso di sostanze stupefacenti, chissà se ci hai creduto.

All'asilo abbiamo portato un dolce e dei succhi di frutta per farti festeggiare coi tuoi amichetti, ma se ti sei divertito ancora non puoi dircelo, aspettiamo solo che le maestre stampino le foto dell'evento per poter, un giorno, fartele vedere.

La sera io e mamma, dopo varie discussioni sul senso che poteva avere darti qualche regalo oggi e il resto domenica con tutti i parenti (nessuno, ma faglielo capire a tua madre, certe volte mi chiedo cosa le passi per la testa...),siamo andati al supermercato e per farti capire che era il tuo compleanno ti abbiamo comprato una lavagnetta magica.

Appena l'hai aperta ha lanciato per la stanza tutto ciò che c'era dentro, ma non preoccuparti, hai solo frainteso l'uso che dovevi farne....
Adesso divertiti, oggi più di tutti gli altri giorni, perchè oggi è il tuo compleanno.
Tantissimi auguri mia piccola, grande gioia.

martedì 1 dicembre 2009

Una moglie piromane

Stasera la moglie, di ritorno dal fare la spesa assieme a me, decide, tutta giuliva, di cucinare il pollo al forno.

Accende quindi il forno, lo lascia riscaldare, e mi fa pregustare un succulento pollo descrivendo l'opera d'arte che,secondo lei, stava per realizzare.

Moglie mette quindi il pollo in una specie di pirofila, poi dice "aggiungiamo il tocco di classe!" e ci versa un bel po di brandy.

Mette il tutto nel forno, dicendo "senti come sfrigiola, musica per le mie orecchie!"

Non aveva finito la frase che si sente un colpo sordo, ci giriamo e vediamo il forno che si era aperto e WOOOFFF! delle fiamme alte mezzo metro che escono!!

Moglie si rintana in un angolino tremante (si limitava a urlare "fai qualcosa",ma almeno non rompeva le scatole intralciandomi nelle perazioni di salvataggio), io dopo un attimo di sbigottimento prendo in mano la situazione e mi precipito a chiudere il forno: incendio spento, noi sani e salvi, la cena preparata col forno a microonde.

Dopo 2 ore che avevamo le finestre aperte per far uscire il fumo un pinguino ci ha fatto notare che secondo lui sarebbe meglio il fumo di tutto il freddo che avevamo fatto entrare...

Ma tutto è bene quel che finisce bene, abbiamo ancora una casa e lo stomaco pieno, nonostante il tentativo della moglie di fare al forno noi al posto del pollo!

giovedì 26 novembre 2009

Spazio alla creatività!

Lorenzo ieri a tavola si dilettava nell'arte del travaso

Sì perchè il travaso è un'arte, non riesce mica a tutti travasare l'acqua da due bicchieri e dopo 20 secondi farla completamente sparire..

In realtà dietro a tutto questo ci sono esperimenti chimici incomprensibili alla mente del comune mortale, sperimentazioni di sostanze in grado di salvare l'umanità...se alla fine dei suoi esperimenti ci pulisse sarebbe il top!

Bando ai discorsi,godetevi il video del mio supergenio,il quadro vi sarà più chiaro!
video

domenica 22 novembre 2009

Una domenica in famiglia





Oggi siamo andati al ristorante, io, Lorenzo, moglie e nonni paterni.

Come possiamo vedere dalla sequenza fotografica Lorenzo si è accomodato coi suoi immancabili amici, il coccodrillo e la tartaruga (assistito dal nonno), dopodichè ha iniziato a mangiare un grissino, un po di pane, la pasta al pomodoro e infine il tiramisù strappato con la forza dalle mani della mamma.

Finito il pranzo (vedi video) si è dilettato a giocare coi nonni, dopodichè ha deciso che era l'ora di ripartire.

Siamo quindi andati alla fiera natalizia di Venturina, dove è successo un fatto strano per l'amorignolo: eravamo all'interno di uno stand e si avvicina a Lorenzo una bambina (che la mamma mi ha poi detto avere la sua stessa età),che si è messa a fissarlo.

Lorenzo: curioso

La mamma della bambina le dice: dai un bacio al bimbo.

Lorenzo: imbarazzato

La bambina parte, abbraccia Lorenzo e gli da un bacino sulla bocca!

Lorenzo: basito

Lorenzo mi guarda, mi appoggia la guancina al petto con l'aria a punto interrogativo...

Io e l'altra mamma ridiamo (moglie era lontana e si è persa la scena) dopodichè lei dice alla bambina "su saluta il bimbo"

Bambina: ciao! (mentre agita amichevolmente la manina)

Lorenzo a quel punto mi abbraccia forte e mi tiene stretto stretto.

Mi duole ammetterlo ma forse le femminucce sono decisamente più sveglie dei maschietti....

video

mercoledì 18 novembre 2009

Non lo freghiamo più..

Non lo freghiamo più...

Un tempo, non molto lontano, finiti i pezzi da 50 centesimi che servivano per far funzionare questi giochi per bambini dicevamo a Lorenzo che quella macchinetta infernale succhiasoldi era rotta e non funzionava più.

Adesso ha imparato a inserire da solo la moneta..

Che dire, sempre più autosufficiente il mio ometto!:-)

E nessuno si azzardi a dire che dopo aver inserito la monetina si sia messo a cercarla a destra e a sinistra, si stava semplicemente assicurando che la struttura fosse meccanicamente e strutturalmente ben bilanciata!

video

domenica 15 novembre 2009

Il primo vero bacio.

Lasciamo perdere i morsi affettuosi.
Lasciamo perdere le leccate a nove mesi.

Oggi ho ricevuto il primo vero bacio.

Sulla guancia, un po' umido ma con lo schiocco e tutto.

E quando mi sono spostata ha detto "accoa bacio" e me ne ha dato un altro.

Altro che il primo bacio da adolescenti e simili...questo è veramente un bacio che conta e che ricorderò a vita.
(LENINA)

mercoledì 11 novembre 2009

Il piccolo genio dell'arte!

Ogni tanto,anzi ogni spesso, Lorenzo sbalordisce tutti all'istituto artistico nazionale del piccolo genio (chissà perchè continuano a chiamarlo asilo nido, mah..), e le sue creazioni sono spesso esposte nelle più importanti mostre di pittura del mondo.

L'amorignolo si impossessa di pennarelli e tempere e comincia a creare composizioni artistiche dal valore inestimabile.
Notare, in una delle sue opere, la fusione tra arte moderna e arte antica (boh,si chiama così??), appare chiara, in quest'opera, la riproduzione del tocco del Caravaggio intrisa di dettagli tipici di Picasso, il tutto condito da un inconfondibile sfondo alla van Gogh!
Ovviamente all'asilo..hem, alla scuola per artisti, l'opera è stata esposta in bacheca in modo che tutti possano ammirarla.
Ho chiesto se potevo portarla a casa ma mi hanno chiesto se posso lasciargliela fino a fine anno, me la daranno poi assieme a tutte i capolavori di Lorenzo.
L'opera,sopra riportata, è stata infatti fotografata.
Ho trovato, per caso, un sito dedicato agli amanti della pittura, dove ognuno può pubblicare le sue creazioni....che dite, la pubblico??
Oppure è meglio evitare in modo da non umiliare troppo gli altri pittori??

domenica 8 novembre 2009

Un tipico pranzo al ristorante

Nel video possiamo ammirare un classico pranzo al ristorante della nostra famiglia, in questa occasione in gita di piacere a Pistoia.

Visto che le porzioni per amorignoli sono molto abbondanti spesso o io o moglie prendiamo una portata che piaccia anche a Lorenzo in modo da dividerla con lui.

In questo caso moglie ha preso le penne al ragù,con funghi e qualcos'altro.

Il problema nasce quando moglie ha finito la sua porzione e l'amorignolo non le permette di usufruire (giustamente) della sua, seppur abbondante e seppur non ce la faccia a finirla nemmeno in 3 giorni.

Moglie allora le studia tutte per carpire il cibo dal piatto di Lorenzo.

Usa mezzi subdoli, fa la vittima, si giustifica dicendo che non vuole avanzare la roba per rispetto a chi muore di fame, pensa al povero cuoco del ristorante che soffrirà come una bestia sapendo che noi non abbiamo apprezzato la sua cucina, si preoccupa di non riempire il secchio della spazzatura del ristorante....

In realtà le diventano gli occhi a forma di gnocchetti al ragù e guarda il bimbo che degusta la sua portata con la bava alla bocca, se potesse mangerebbe anche lui!

Guardare per credere...


video

venerdì 6 novembre 2009

Piccole scaramucce all'asilo

Dicono così, piccoli incidenti di percorso, stavano giocando, sono cose normali...

Fatto sta che la settimana scorsa quando sono andato a prendere Lorenzo all'asilo me lo sono ritrovato con 2 escoriazioni sul viso, una per guancia, ormai con la crosticina formata.

Probabilmente due amichevoli pizzicotti dati con le unghie.

Stamani invece mi hanno detto che mentre giocavano si è fatto un graffio sul collo, sotto l'orecchio.

Ho guardato e ci sono due graffi abbastanza profondi da cui è uscito il sangue.

Saranno anche cose normali, per carità, ma a me fa male vederlo tornare a casa con segni addosso, fa probabilmente più male a me che a lui che li subisce, anche se è un male sicuramente diverso.

Mi fa anche tenerezza vederlo, ogni volta che lo porto e lo vado a riprendere, così piccolo e indifeso in mezzo a tutti quei piccoli energumeni che lo circondano, lui fisicamente è molto esile in confronto agli altri....

Sarà anche una cosa normale che si facciano male, ma io credo che non riuscirò mai ad abituarmici...meno male che oggi è venerdì, fino a lunedì non ci si pensa più...

lunedì 2 novembre 2009

Un bel pasto e...pronti al nuovo look!


Foto sotto:
Alla faccia di chi dice che non mangia, Lorenzo ieri ha dato prova della suo voracità afferrando con le sue manine un pezzo di dolce più grande di lui e portandoselo diretto alla bocchina!
Ultimamente non si accontenta più di piccole fettine, di dolce, di formaggio, di prosciutto etc, ma lo vuole addentare tutto...e se non lo si accontenta dobbiamo prepararci a resistere alla sua ira!
Foto sopra:
Lorenzo,giudicando noi genitori dei vecchiacci fuori tempo, ha deciso di provare un nuovo look.
Non certo per piacere più alle donne, in questo già non ha rivali, bensì per modernizzarsi un po...ed ecco che uno splendido ciuffo blu si integra con la sua bella chioma bionda!
In realtà è solo il risultato dell'attività didattica fatta stamani all'asilo, e cioè la pittura, e tra poco il tutto sparirà con un bello shampoo, ma questo non diciamoglielo!

giovedì 29 ottobre 2009

Caro Lorenzo, sono quel che sono...

Lorenzo in questi giorni si sta rendendo conto che, al contrario di lui, noto supereroe, io sono un comune mortale,non lo posso ingannare per sempre.

Qualche giorno fa gli ho detto che avrei fatto cominciare la sera un'ora prima (anche il mattino, ma lui a quell'ora dorme e non lo sa), ed ecco puntualmente che il buio è sceso un'ora prima.

Purtroppo l'amorignolo non ha apprezzato molto e voleva il ripristino della situazione a com'era prima...e a nulla è servito spiegargli che non posso convincere la nazione ad abolire l'ora legale...

Dato che faccio l'elettricista e che pure il nonno fa l'elettricista ha allora semplicemente chiesto di accendere la luce anche fuori, guardando dalla finestra e dicendo "uce! uce!"

Visto che non obbedivamo ha cominciato ad accendere tutti gli interruttori di casa: prima quello del bagno, poi quello di camerina, poi quello di sala, quello del ripostiglio e quello dela camera grande (vivo in un appartamento, che credete che sia, una reggia?? Quante stanze vi aspettavate??)

Ogni volta che accendeva un interruttore correva alla finestra a vedere se era tornata la luce anche fuori, e ogni volta guardava noi con aria prima speranzosa e poi depressa, perchè il sole non si illuminava più.

Lorenzo ha infine capito che i miei poteri sono limitati, nonostante gli avessi promesso che se fosse andato a nanna per il suo risveglio gli avrei fatto trovare il sole acceso.

La notte è stata tragica, io ero al lavoro e Lorenzo ha vomitato 5 o 6 volte, nonostante il pediatra abbia detto che trattavasi di un virus che sarebbe durato solo 24 ore (adesso sta bene) io sono sempre più convinto che sia stata la delusione.

Io ero al lavoro, moglie mi ha telefonato per avvertirmi, me lo sono fatto passare per telefono assicurandogli che appena sarei tornato a casa avrei fatto sparire la mamma, era pur sempre un aiuto a smettere di vomitare il non vederla,lì con la lacrimuccia bascicare un "chissà cosa gli starà succedendo, poverino..."

Ma non è servito..
L'ho deluso..

PS: a pronunciare quelle frasi piagnucolando ero io, ma questo l'amorignolo non lo saprà mai!!

domenica 25 ottobre 2009

Una bella passeggiata










Stasera siamo andati a fare una passeggiata, tutta la famigliola, abbiamo camminato in piazza in riva al mare, che bello:-)

lunedì 19 ottobre 2009

Bastardi senza gloria!

Dopo tante occasioni mancate a Piombino per andare a vedere l'ultimo film di Quentin Tarantino alla fine, quando eravamo a Torino in visita ai nonni materni di Lorenzo, siamo riusciti a vederlo!
Era tutto deciso da giorni, in mattinata però moglie ha tentato un ennesimo salvataggio in calcio d'angolo proponendo (ma non ci credeva nemmeno lei) di andare a vedere un altro filmuccio del cavolo.

Anzi stava già guardando su internet in quali cinema lo davano e gli orari....ma una volta accortasi dello sguardo maligno, penetrante e minatorio alla quale era sottoposta ha deciso che saremmo andati a vedere IL film, l'unico e con la lettera maiuscola.

Abbiamo abbandonato l'amorignolo coi nonni e, una volta visto che non faceva storie (non che avesse alternative, io volevo vedere il film e BASTA) siamo andati in questo cinema multisala.

Appena l'ho scorto ho fatto subito i biglietti dopodichè sono andato con moglie a comprare, in un negozio li vicino, una maglietta all'amorignolo....sai com'è, bisogna anche accontentarla ogni tanto, anche se in verità è lei che doveva ringraziare me per portarla al cinema a vedere un capolavoro.

Moglie ha cominciato a stare male dopo circa 30 secondi dall'inizio del film, soffriva, era in tensione e mi malediceva per avercela trascinata,dicendo che non era un film adatta a persone come lei, nel frattempo continuava a rifarsela con una povera vaschetta di pop corn zuccherati.

La trama non la racconto altrimenti poi magari qualcuno che vuole vederlo mi manda a quel paese, ma sappiate che durante tutto il film a moglie tremava la manina....

Comunque bellissimo, spettacolare, fantastico, ti tiene col fiato sospeso tutto il tempo ed è pieno di colpi di scena e un bel finale.

Se non lo avete ancora fatto andatelo a vedere!
E' un ordine!:-)

giovedì 15 ottobre 2009

Il mio piccolo killer!



Lorenzo si è definitivamente rimesso dal virus che lo aveva messo ko nei giorni scorsi.
Uscito dall'ospedale ogni giorno che passava stava sempre meglio, è rimasta solo un po di tosse anche se ormai per tornare all'asilo aspettiamo la settimana prossima.

Stamani il nostro supereroe,tornato in forze, voleva rivalersi sul virus che lo aveva colpito, ha impugnato un pistolone ed è partito alla caccia del virussaccio!

Abbiamo provato in tutti i modi a distoglierlo dall'idea della vendetta, ma senza risultato!

Solo l'aver abbandonato definitivamente la nostra casa ha permesso al virus di salvarsi la pelle..

PS: quando sarà un po più grande capirà che la nostra famiglia è pacifista:-)

lunedì 12 ottobre 2009

Lorenzo malato, si va al Pronto Soccorso..

Eravamo rimasti con Lorenzo malato, di sabato.

La domenica mattina visto che non sta ancora bene lo portiamo dalla guardia medica, che ci prescrive antibiotici,dicendo che c'è un'infiammazione della gola.

La giornata passa un po così e così, la febbre che sale e scende, anche per l'effetto della tachipirina.

La sera alle 21:30 Lorenzo dorme, io vado a lavorare....alle 23 circa rientro in cabina, reduce dalla risoluzione di un guasto su un macchinario e mi dicono che mi squillava il telefono.

Lo prendo e vedo 11 chiamate perse della moglie....la chiamo subito e mi dice che Lorenzo ha la febbre a 39 e mezzo,respira male e vomita, mi dice che sono al pronto soccorso.

Mi faccio fare il permesso dal caposquadra e volo al pronto soccorso, dove trovo il mio babbo smanioso in sala d'aspetto.

Visitando Lorenzo una dottoressa antipatica e del tutto priva di tatto dice che la saturazione non è nella norma, esternando poi le sue rimostranze per il fatto che "se il bambino piange come faccio a visitarlo?"

E in effetti come darle torto, non esiste che un bambino di 22 mesi con la febbre a 39 e mezzo e il vomito non capisca certe cose e non smetta immediatamente di piangere!
E che cavolo Lorenzo, su!
(se fossi stato dentro anch'io non ce l'avrei fatta a stare zitto!)

La dottoressa manda Lorenzo in pediatria, dove viene visitato dal pediatra, gentilissimo a differenza sua.
La saturazione è ottima, solo che la dottoressa aveva fatto l'esame con l'apparecchio per adulti e non per bambini, fa fare l'aerosol a Lorenzo, gli somministra antibiotici e cortisone.

Indeciso se ricoverarlo o meno, accortosi di un errore burocratico sul foglio del pronto soccorso, decide di fargli passare la notte in ospedale,anche per maggior sicurezza.

Riesco ad arrivare in pediatria e lo vedo, ha gli occhi arrossati, si vede che sta male, piagnucola...ho un tuffo al cuore.

Devo andarmene, più tardi la moglie mi dice che le medicine stanno facendo effetto e che oltre a calmarsi si sta addormentando.

Sono un po più tranquillo, posso andare a finire il mio turno di lavoro, col cellulare con la suoneria al massimo rigorosamente nel taschino della tuta,tanto in ospedale non posso rimanere.

Stamani Lorenzo è di nuovo a casa, deve seguire una terapia.

Quello che lo ha colpito è un virus, che gli ha procurato una forte laringite.

Spero che il peggio sia ormai passato, aspettiamo solo che migliori....

PS: ieri sera, nel giro di 5 minuti,credo di aver perso 10 anni di vita!

domenica 11 ottobre 2009

Un weekend da dimenticare

Siamo a venerdì, la sera avrei dovuto lavorare (turno di notte) ma mi astengo avendo aderito al sacrosanto sciopero nazionale della CGIL.

Mi sto già pregustando il finesettimana, tanti progetti da realizzare con la famiglia, andiamo di quà, andiamo di là,facciamo questo, facciamo quello...e invece...

Il sabato inizia bene, portiamo Lorenzo in piscina, lui ci sta volentieri, si diverte e non vuole più venire via.

Arrivati a casa si addormenta senza mangiare e al suo risveglio continua a non aver fame ed è strano, non sembra lui.

E'caldissimo, ha gli occhietti rossi e lucidi e comincia a tossire.

Vado a comprargli un termometro decente e delle supposte di tachipirina, al mio ritorno gli misuro la febbre (l'altro termometro che abbiamo sbarellava): 38 e mezzo.

La sera prima di dormire ha la febbre a 39,4.

La domenica mattina Elena lo porta dalla guardia medica che gli prescrive gli antibiotici (mentre io dormo reduce da un turno di notte) e dice che Lorenzo ha mal di gola.

Spero che guarisca presto, a vederlo stare male e non poter fare niente per alleviare il suo dolore ci soffro, vorrei stare male io al posto suo,avere io febbre e mal di gola.

Sentirlo respirare affannosamente, parlare con un filo di voce, mi mette una tristezza infinita.

Ieri sera,sul divano, siamo seduti abbracciati a guardare i cartoni, il suo corpicino caldissimo e febbricitante stretto al mio...sono momenti che ho già passato, non è la prima volta che si ammala, ma credo che non riuscirò mai a non starci male.

Mi scuso per la melodrammaticità del post per una semplice influenza...ma quello che ho scritto è ciò che sento.

mercoledì 7 ottobre 2009

Stamattina...



Stamattina dopo aver portato Lorenzo all'asilo sono tornato a casa, ho parcheggiato la macchina e sono andato a fare una passeggiata a passo svelto, per tentare di abbassare il colesterolo.
Oltre a camminare e a pensare mi sono guardato un po intorno, il sole andava e veniva e ho riscoperto la bellezza di guardare il panorama che si vede da piazza Bovio, secondo me un bellissimo panorama.

Guardare per credere (l'ho anche fotografato col telefono!)

lunedì 5 ottobre 2009

Sport e canto

Lorenzo all'asilo ha imparato a cantare Nella vecchia fattoria, o un qualcosa di simile.

Ce ne siamo accorti a casa quando faceva il verso degli animali.

Ma visto che è un enfant prodige non poteva certo fermarsi quì!

Nel primo video vedete le prove di canto,perfettamente riuscite nonostante la pessima qualità delle inquadrature (io cantavo e la mamma riprendeva, Lorenzo andava dalla mamma che, pessima regista qual'è, non riusciva,come al solito, a fare una ripresa decente)

Nel secondo video l'amorignolo da il meglio di se, canta e allo stesso tempo fa sport!

Che sport è?

Guardate il video e indovinate!

(un indizio: il lancio del ....)


video video

sabato 3 ottobre 2009

Lorenzo all'asilo...mangia!!!

Anche se ci ha messo un po per capirlo!

Ma partiamo dall'inizio:
l'amorignolo è finalmente stato inserito nel gruppo dei bambini mangianti all'asilo.

Quando andiamo a prenderlo fuori dalla porta c'è un foglio in cui ci sono scritti i nomi dei bambini e quanto hanno mangiato, almeno evitiamonoi genitori, di chiedere alle maestre di TUTTI i bambini.

Il primo giorno ha mangiato abbastanza:
primo SI
secondo POCO
contorno PANE E CAROTE
frutta TANTA

Tutti contenti arriviamo all'ora di pranzo che Lorenzo è appena tornato a casa dall'asilo.
Ci vede sederci al tavolo e urla "pappaaaaa!!!!

Ci chiede si essere messo sul seggiolone e rimangia tranquillamente, di pasta ne ha presa due volte, poi formaggio e frutta!

Oltre a mangiarci mi piacerebbe anche che se ne accorgesse!

La cosa non andava poi tanto male visto che avevamo trovato il modo di farlo mangiare un po di più, ma devo dire che dal secondo giorno ha smesso di RImangiare anche a casa, anche se appena lo vedo a prendere la prima cosa che mi dice è "babbo pappaaa!!"

mercoledì 30 settembre 2009

Una moglie caduta in un tombino!

Come tutte le mattine, il ragionier Ugo Fantozzi si appresta,corricchiando, ad andare a lavorare..

Ops, quella è un'altra storia,seppur simile!

Come tutte le mattine, la moglie camminando si dirige verso il posto di lavoro, pensando al letto che ha appena abbandonato, al marito che,reduce da un turno di notte, si è appena infilato tra le morbide e fresche lenzuola, dicendole un dolce "vai al lavoro schiava!".

La moglie cammina, finchè...PUFF! Sparisce dalla vista di tutte le altre persone presenti!

Un miracolo?
E' stata rapita dagli alieni?
Ha trovato un modo, tipo Star Trek, per smaterializzarsi e rimaterializzarsi sul posto di lavoro?
No!

La moglie, camminando, è caduta in un tombino!
Chissà cosa avranno pensato poi quelli che si sono visti apparire la moglie sbucando da un tombino...

Va beh, in realtà c'è poco da scherzare (anche se,sentita per telefono, dopo averle chiesto come andava,alla risposta "insomma, sono caduta in un tombino" un piccola risatina mi è scappata).
Pensavo scherzasse, non poteva essere seria!

Invece lo era.

Per fortuna non si è fatta particolarmente male, ha un po di dolore alla caviglia e ad un ginocchio, stiamo valutando ancora se andare in pronto soccorso o meno.

In pratica c'erano degli operai al lavoro e quel tombino era stato chiuso male, non c'erano cartelli di pericolo, è stato solo un errore di chi lo ha chiuso.

Avvertiti i vigili urbani a ripensarci sale il nervoso: poteva caderci dentro un bambino o una persona anziana, con conseguenze molto più gravi.
Inoltre senza l'operaio presente sul posto le sarebbe stato difficile uscire da li.

Fosse per me farei causa al comune, di istinto, perchè sono cose che non devono accadere e se accadono qualcuno deve risponderne.
Valuteremo e vedremo.

Secondo Giveaway by Snezana

Dopo il successo del primo Giveaway la mia amica blogger Snezana (una delle prime blogger che ho conosciuto da quando ho aperto questo blog e che stimo moltissimo) sta proponendo il secondo.

A chi mi legge consiglio di partecipare visti gli stupendi premi in palio.

Per partecipare:
http://artworks-snezana.blogspot.com/2009/09/pattern-for-if-and-my-etsy-opening.html

Accorrete numerosi!:-)

domenica 27 settembre 2009

Lallo, Uga e China



Queste 3 sono le nuove conoscenze di Lorenzo.
Entriamo nei dettagli:
siamo andati a Montecalvoli a trovare i parenti, Lorenzo dopo un attimo di smarrimento in cui voleva a tutti i costi andarsene ha cominciato a farsi nuovi amici.

Lallo:
Lorenzo ha notato,dentro la gabbietta, il pappagallo degli zii.
"Lallo,Lallo!" diceva felice.
Ci ha giocato anche se non poteva toccarlo, ci parlava, lo guardava, avvicinava timidamente la manina...

Uga:
Lorenzo in casa ha anche notato la tartaruga marina degli zii.
"Uga,Uga!" diceva felice.
Avvicinava il ditino, voleva farle le carezze, la osservava, ci parlava,le sorrideva.

China:
Ovvero la formichina,quella che ha attratto di più la sua attenzione, ma soprattutto la sua simpatia.
Ci parlava, ci giocava, le dava perfino piccoli pezzettini della sua brioche, che la formichina sembrava apprezzare molto.
"China, bella china"
"Ciao China" dandole ancora una briciola, "Ciao chin..." STIA'!!!!
Adiòs formichina...

PS: ho evitato di fare foto alla formichina, non mi sembrava il caso.

domenica 20 settembre 2009

Resoconto di una settimana di asilo

I primi due giorni li ho già raccontati,anche se il bello doveva ancora arrivare, ovvero lasciarlo lì senza di me.

E' preferibile che ad accompagnarlo sia una persona sola ma vista l'impossibilità per via dei miei turni ci alterniamo io e il mio babbo.

Lunedì, lavoro la mattina quindi tocca al nonno:
giornata positiva, Lorenzo è stato volentieri a giocare e non ha sentito la nostra mancanza.

Martedì, tocca a me:
arriviamo all'asilo alle 10:10, alle 10:15 aprono le porte e lui mi lascia la mano ed entra di corsa senza nemmeno voltarsi indietro.
Lo vado a riprendere a mezzogiorno, lo trovo che ha appena pianto ma invece di voler andare via mi fa sedere per continuare a giocare.

Mercoledì, di nuovo il nonno:
mi dice che durante la sua assenza Lorenzo ha pianto e che stavano per chiamarlo,ma poi alla fine si è calmato.

Giovedì,tocca a me:
arriviamo li ed entriamo assieme, lui è in braccio a me.
Una volta dentro non ne vuole sapere di essere messo a terra,mi resta aggrappato con tutte le sue forze.
Lo metto a terra e lui mi prende la mano e mi porta verso l'uscita.
Torniamo indietro,cerco di distrarlo e di fargli vedere i giochi, ma non c'è nulla da fare.
L'insegnante lo prende in braccio, lui piange, non vuole.
L'insegnante mi dice che è meglio che me ne vada altrimenti finchè resto li lui non smetterà di prendermi la mano e cercare di andare via.
Così faccio.
Me ne vado.
Mentre me ne sto andando mi volto, lo guardo.
L'insegnante sta di schiena e lo tiene stretto a se, lui da sopra la sua spalla mi guarda, ha le braccine allungate verso di me, piange a dirotto e urla "babbo babbo".
Ho provato una stretta al cuore, un nodo allo stomaco, mi venivano le lacrime, tuttora non so cosa mi abbia impedito di andarmelo a riprendere e di portarmelo via, qual'è stata la sottilissima linea di confine tra razionalità ed impulsività.
Sono stato male per tutte e due le ore, passate in gran parte nella sala d'aspetto.
A mezzogiorno aprono le porte, entro di corsa, lo cerco, lo trovo: è li che gioca tranquillo!
Parlo con la ragazza che mi rassicura, mi dice che ha pianto solo quei 5 minuti successivi al nostro distacco.
Appena mi vede mi corre comunque incontro e vuole andare via.

Venerdì,tocca al nonno, stessa scena.

Forse ci vuole un carattere forte anche per riuscire a portare un figlio all'asilo, non lo so, fatto sta che non garantisco in futuro di poter sempre resistere come ho fatto giovedì, è un dato di fatto che sia stato peggio io di lui.

Credo però,confermato anche da esperti, che è il distacco che gli da fastidio,per quello piange, per il resto all'asilo sta bene altrimenti piangerebbe anche per tutto il tempo della permanenza.

Dalla settimana prossima alcuni bambini rimangono a mangiare li altri no, a discrezione delle insegnanti, cioè da come giudicano i loro comportamenti,se li ritengono pronti o meno.
Hanno messo fuori la lista, Lorenzo per ora NON mangia li.
Sollievo.
Per nuove preoccupazioni ho ancora qualche giorno:-)

giovedì 17 settembre 2009

Un modo diverso per iniziare la giornata

Premetto che stanotte è venuto giù un bel temporale, o almeno così dice la moglie, io dormivo.

Ore 3
Moglie: dormi?
Io: fino a 2 secondo fa sì...
Moglie: è andata via la luce!
Io: che ci posso fa??
Moglie: mi prendi il cellulare così metto la sveglia per domattina?
Io: ok

Ore 6
Moglie: dormi?
Io: .......
Moglie: sono 3 ore che manca la luce!
Io: !?!?!?
Moglie: mi alzo e vado a controllare

Torna.
Moglie: la situazione è più grave del previsto!!!
Io: c'è un cadavere in soggiorno?
Moglie: no! ma nel condominio c'è la luce, manca solo a noi!
Io: vai giu a vedere l'interruttore generale

Torna la moglie dopo 2 minuti

Moglie: c'è una spia rossa!!!
Io: sarà un spia del KGB?
Moglie: stamani non vado al lavoro!
Io: perchè?
Moglie: perchè devo stare tutta la mattina attaccata al telefono per chiamare l'Enel ed insistere perchè vengano a sistemarci il guasto!

Io mi alzo, metto i pantaloni e la maglietta e vado giu, riattacco l'interruttore generale e torno su

Io: vai al lavoro
Moglie: ma io avevo provato e non stava su!
Io (dandole una pacca sulla spalla): certo certo...

lunedì 14 settembre 2009

Progressi

Ultimamente abbiamo fatto un sacco di progressi.

Ecco due video che li dimostrano:

video1: Lorenzo gioca da solo, senza chiedere la mia collaborazione

video2: Lorenzo conta! E non provate a dire che ripete solo quello che dice la mamma!:-)

video video

venerdì 11 settembre 2009

Secondo giorno di asilo, ma era come se fosse il primo!

Dopo la festa di ieri con tutti i bambini siamo al secondo giorno d'asilo, l'inizio vero e proprio.

Vogliono i bambini accompagnati da un solo genitore, vado io!

Mi sveglio alle 5, sono emozionato e non riesco più a dormire, l'unica cosa che mi da sollievo è pensare ai miei colleghi di lavoro che si stanno alzando per andare in fabbrica a lavorare mentre io posso stare sdraiato a letto ancora qualche ora!:-)

Alle 7 la moglie si alza, rimango nel letto con Lorenzo che dorme, leggo un libro ma penso all'asilo.
Finchè nel sonno Lorenzo cerca,con la sua manina, la mia mano che sta sorreggendo il libro....no, non ce lo porto! ma cambio subito idea.

Dopo colazione ci prepariamo e partiamo, alla domanda della nonna "Dove vai?" Lorenzo risponde "bimbi!" cioè dai bimbi.
Per l'emozione per poco parto per l'asilo dimenticandomi Lorenzo a casa!

E' così carino, vestito di tutto punto!

Arriviamo abbastanza in anticipo ma quei pochi bambini che ci sono hanno già fatto il loro ingresso, così entriamo anche noi e comincia la giornata all'asilo.

C'erano 48 bambini, con 47 mamme e un solo babbo, io!

Non mi molla neanche un minuto, con qualsiasi cosa giochi vuole avere me di fianco, dalla giostra ai giochini nella sabbia.
La cosa mi inorgoglisce ma guardo le altre mamme che parlano tra di loro sedute sulle panchine mentre i loro amorignoli giocano da soli, e rimango un pochino perplesso.

Passa un insegnante che offre un cracker ai bambini, l'amorignolo la guarda schifata, così un'altra bambina prende il biscotto e lo porge a Lorenzo: idem.
Prendo il biscotto e glielo do, lui lo prende e lo mangia..."ancora cotto!!"

Lo prendo per mano e rincorriamo l'insegnante, da quanto gli piaceva il cracker è stato perfino disposto a prenderlo dalle mani della signora!

Lorenzo,coi suoi 21 mesi, è uno tra i più piccoli, essendo anche magrolino per la sua età non è capace di farsi rispettare, e la cosa viene fuori in 4 o 5 episodi:
gli piace una macchinina gialla, ci gioca, un bambino gliela strappa di mano e lui non riesce a trattenerla, così piange, mi prende la mano e mi chiede a gesti di riprendergliela.
Che faccio?
Cerco di distrarlo,ma non funziona.

Per fortuna un'insegnante se ne accorge e gliela restituisce, distraendo l'altro bambino.

Ma la scena si ripete con altri bambini, e lui piange, mentre io mi rodo il fegato:-)

Bisogna anche dire che secondo l'amorignolo è tutto suo, rivendica il possesso di molti dei giochi che vede: ci sono alcuni bambini (pochi) che lo lasciano impossessarsi dei giochi con cui si stanno divertendo, mentre altri no e altri ancora si appropriano dei suoi.
Sto pensando di mandarlo ad un corso accelerato di arti marziali per amorignoli..

Lorenzo non interagisce con nessun altro bambino, parlando con un insegnante mi dice che è normale perchè è ancora troppo piccolo, come è normale che a quell'età sviluppino il senso del possesso e dicano spesso "è mio!".
In effetti è piccolo, lo vedo piccolo in quello spazio immenso, con tutti gli altri bambini,molti dei quali più grandi di lui.

Vorrei che giocasse da solo, senza di me, e infatti dopo un po si mette seduto nella sabbia a riempire un secchiello con la paletta: una bambina da dietro gli rovescia un secchio pieno di sabbia sulla testa!
La mamma che si scusa e tiene la mano sulla fronte di Lorenzo perchè non gli vada la sabbia negli occhi, io che, mentre desidero ardentemente di fargliela mangiare quella sabbia, cerco di toglierla dai capelli di mio figlio e dal resto del suo corpo.
In fondo sono bambini...
Capito Lorenzo?
La prossima volta rendigliela!:-)

Le insegnanti mi sembrano persone serie e capaci, Lorenzo è stato perfino convinto da una di queste ad andare,per la manina, a visitare una stanza all'interno dell'asilo, credo che sia la prima volta che da la manina ad un estraneo.

E' l'ora di andare via, Lorenzo piange perchè un altro bambino gli ha strappato di mano il tamburello con cui stava giocando,una mamma mi sta guardando altrimenti glielo avrei riconquistato di prepotenza..

Credo sia l'occasione giusta per andarcene, ma ovviamente non ne vuole sapere!

Si mette a piangere e a urlare "bimbi!", come per dire "fammi rimanere coi bimbi" (che se ne stavano andando).....i bimbi non li ha cagati per tutta la mattina,all'improvviso non riesce a separarsene...mah...

Tra pochi giorni conto di farlo rimanere li da solo, e allora so già che saranno lacrime, le mie..:-)

giovedì 10 settembre 2009

Primo giorno d'asilo!!!!!!

Oggi è il primo giorno di asilo, tutti i parenti, gli amici e soprattutto i fans di Lorenzo vorranno sapere com'è andata!

Ve lo dico subito, ha pianto, e anche parecchio...

Partiamo dall'inizio:
oggi possiamo andare in due persone ad accompagnarlo, andiamo quindi io e moglie.
Io arrivo con qualche minuto di ritardo perchè sono prima andato a fare la mia trimestrale donazione di sangue (la gente sapendo dell'occasione si è ammalata apposta pur di avere il mio sangue,per cui era necessario!)
Dopo aver donato 5 litri di plasma (dicono 500 ml ma erano 5 litri!) mi avvio verso l'asilo.

Arrivo e vedo l'amorignolo giocare allegramente.

Viene allestatito un teatrino, con cappuccetto rosso, il lupo e la nonna.
Tutti i bambini si mettono seduti sulle seggioline a godersi lo spettacolo, l'amorignolo rimane a 200 metri di distanza a giocare nel praticello.

Lo prendiamo e lo portiamo li, lui vuole mettere le mani addosso ai pupazzetti, tirare un calcio volante al lupo e salvare cappuccetto rosso...lo tratteniamo a fatica.
(vabbè,voleva solo impossessarsi delle marionette..)

Una volta finito vuole andare sulla giostrina, tutti i bambini seduti sulle seggioline e lui attaccato ad una di queste che corre in tondo alla velocità della giostra..

L'ora di colazione, l'amorignolo si strafoga di pizza e focaccia e nell'abbuffarsi lascia inavvertitamente il suo librino della Pimpa sul tavolino,cimelio che diventa subito preda di un altro bambino.
Glielo recuperiamo un attimo prima che l'amorignolo piazzi le cariche di tritolo per far saltare in aria tutto l'asilo.
(cercava semplicemente il suo librino..)

Ma dopo qualche minuto una bambina si avvicina timidamente e cerca di prendere il librino della Pimpa dalle mani di Lorenzo, risultato: la bambina viene scaraventata a 6 metri di distanza dalla forza distruttrice dell'amorignolo, sulle battute di E' MIO!!!
In effetti è suo,come dagli torto??
(lo ha semplicemente tenuto stretto a se, la bambina ha desistito subito..)

Tra parentesi ho scritto la versione credibile per voi uomini di poca fede che siete ancora convinti che l'amorignolo sia un comune mortale come voi e non un supereroe!

Nel frattempo arriva l'ora di andare via....vi avevo detto che aveva pianto? Bene, ha pianto perchè non voleva andare più via!
La promessa di riportarlo domani non è servita a rasserenarlo.

Domani faremo ancora 2 ore, dalle 9 alle 11, e ci sto solo io.
Ma a giudicare dal primo giorno sembra un gran successo!
Ne riparliamo quando lo lasceremo li...

martedì 8 settembre 2009

10 cose di me

Mi è stato girato questo gioco da una mia carissima amica blogger, Snezana, che ringrazio tantissimo per il pensiero.
Il gioco consiste nello scrivere 10 inedite su di me.

Ci provo.

1) Fin dall'adolescenza non mi è mai interessato il divertimento fine a se stesso, ho sempre sognato una famiglia tutta mia e un figlio al quale dedicare tutto me stesso.
Mentre molti dei miei amici non volevano legami io li sognavo.

2) Sono sempre stato un eterno indeciso, quando prendevo una decisione non tornavo indietro,ma prima di prenderla...

3) Odio i chewing gum e mi disgusta chi me li sbiascica davanti.

4) Nel periodo in cui ho vissuto da solo non avrei mai immaginato di provare un simile sentimento per un gatto, mi ha fatto tanta compagnia e mi ci sono attaccato moltissimo.

5) Cambio spessissimo umore.

6) Odio i ritardatari, odio aspettare.

7) Tifo sempre per i più deboli,sia nella vita che nello sport, infatti in quest'ultimo non mi tolgo molte soddisfazioni,anzi...

8) Amo le moto, niente è equiparabile ad una bella girata col vento in faccia, a quella sensazione di libertà...evadere dal quotidiano,dalla ruotine. Spero un giorno di poterla ricomprare.

9) Amavo il mare ma adesso che ho scoperto la montagna sono arrivato a preferire quest'ultima, per vari motivi.

10) Ho smesso quasi completamente di guardare la tv perchè ritengo che trasmetta solo spazzatura.

Gli amici bloggers che ho credo che abbiano già tutti adempiuto a rispondere a queste domande, per cui lascio a chiunque passi di quà l'invito a proporre sul suo blog questo gioco.