sabato 23 maggio 2009

Primo giorno ufficiale di mare

Oggi pomeriggio,vista la bella giornata, abbiamo deciso di andare al mare.

Arrivati in spiaggia cerchiamo di organizzarci:
io stendo l'asciugamano e piazzo l'ombrellone mentre la moglie spalma la crema solare all'amorignolo (operazione che reputavo estremamente semplice...e forse per una persona normale lo sarebbe stata!!).

Steso l'asciugamano,mentre sto piazzando l'ombrellone percepisco la gravità della situazione, confermata poi dagli urli dell'amorignolo:
la moglie aveva messo la crema anche sulle mani di Lorenzo, che nel frattempo le aveva messe nella sabbia e poi si era toccato gli occhi!

Con la faccina sabbiosa l'amorignolo esternava le sue rimostranze, la moglie cercava con un fazzolettino di carta di pulirgliela, l'amorignolo la guardava e sembrava pensare "lavamela con l'acqua di mare rimbambita!".

Come se leggessi nella mente dell'amorignolo dico alla moglie "lavagli la faccia con l'acqua di mare rimbambita!!"
Moglie: "vieni anche tu!!"
Io: "Non vedi che sono sempre vestito??"

La moglie va nel pallone,l'amorignolo si divincola e va a sciacquarsi la faccia da solo.

Nel frattempo io stavo trattando con un venditore ambulante, lui voleva vendermi un asciugamano, io volevo vendergli la moglie, alla fine nessuno ha ceduto e,rassegnati, ognuno si è tenuto la propria merce...

La moglie si riprende, e comincia a giocare con l'amorignolo, finchè non ha la brillante idea: "Mettiamogli i piedini nell'acquina!"
Io: "auguri..."

Giunti in riva al mare l'amorignolo vuole assolutamente andare a fare una nuotata al largo, per la moglie convincerlo che non è il caso è un'impresa, da sotto il cappellino di Lorenzo si sentono vari sbuffi.

Vado anch'io, forse in due riuscire a convincere l'amorignolo a tornare sull'asciugamano è più semplice: nemmeno per idea!

Lorenzo di staccarsi dall'acqua non ne vuole proprio sapere,l'acqua di mare e le piccole onde gli piacciono da morire!

Alla fine riusciamo a convincerlo, torniamo sull'asciugamano e dopo poco decidiamo di tornare a casa,mentre Lorenzo continua a puntare il mare, pregustando un prossimo ritorno dei suoi piedini ad accarezzare la superficie delle onde che si sfrangono sulla battigia (dovevo fare il poeta...)

Nessun commento: