lunedì 18 maggio 2009

Week end a Roma, il resoconto




Viaggio in treno ok,anche per me che aborro i treni, a parte che ho fatto la lotta col passeggino (e ha vinto lui) e con un paio di borsoni che volevano i posti a sedere e pretendevano che noi andassimo nel posto dei bagagli.
Anche l'amorignolo si è ben comportato,in fondo è bastato fare esattamente ciò che voleva lui.

Alle 9:30 di mattina, in stazione Termini,ha inizio il nostro tour per Roma:
non sappiamo dove farlo iniziare, così la moglie decide di comprare una cartina, ma non una cartina normale, una signora cartina,dal costo di 10 euri ma completa (dice lei).

Prende la cartina e si avvicina al tizio dell'edicola,che la guarda stupefatto e le dice:
"ma ha visto quanto costa?"
Moglie: "sì...." e voleva aggiungere un bel "ma fatti i ..... tuoi!"

La cartina,con quel che l'avevamo pagata, doveva tirare fuori le gambe e dirci "seguitemi!", invece la moglie ha imparato a leggerla 10 minuti prima di tornare a casa, dando ovviamente la colpa ai difetti della mappa.

Andiamo prima al Colosseo, c'era un sacco di gente,l'amorignolo ha dovuto usare la forza per crearci uno spazio in cui passare.

Usciamo dal Colosseo,faceva un caldo tremendo e noi non avevamo creme solari o altra roba per difenderci dal sole, così la moglie decide di comprare un ombrellino orripilante per difendersi dalle scottature, da qual momento ho mantenuto una distanza di circa 5 metri da moglie e figlio in modo che la gente non capisse che eravamo assieme.

Andiamo al Palatino, molto bello anche quello, i Fori Romani, e alla fine,stanchissimi, torniamo verso Termini per mangiare.

Dopo pranzo riprendiamo la metro e andiamo al Circo Massimo, con quell'ombrellino in effetti moglie e figlio erano un po da circo....

Da lì andiamo a San Pietro in Vincoli, usciti dalla metro bastava fare 10 metri per arrivarci, la moglie consultando la cartina me ne ha fatti fare 500.

Dopodiche torniamo alla metro e partiamo verso casa dell'amica della moglie, sulla metropolitana entro con passeggino, il marsupio e un mega zaino sulla schiena, tutto ansimante....e una signora novantenne mi guarda e mi dice "venga quì,si sieda..." alzandosi dalla poltroncina....

Scendiamo dalla metro e cerchiamo la fermata dell'autobus, per salire ci metto un oretta e un quarto, per timbrare il biglietto idem,finchè una ragazza mossa a compassione me lo prende di mano e me lo timbra lei.
Arriviamo a casa di Silvia e Simone,che ci presentano subito il piccolo Andrea....Lorenzo apprezza la presenza di un altro bambino,i due stringono amicizia e prendono confidenza.

Ci mettono subito a nostro agio, ci preparano una cena deliziosa a base di ottima carne,noi mangiamo senza fare complimenti,l'amorignolo intanto cerca simpaticamente di spaccargli tutta la casa,finchè,esausto,si addormenta.

Andiamo a dormire nell'appartamento di sopra.
La mattina successiva,dopo un'ottima colazione li salutiamo,promettendoci di riceversi,li ringraziamo di tutto e ci rimettiamo in viaggio, ancora verso la stazione Termini.

Ci fermiamo a San Paolo, in chiesa non volevano farmi entrare perchè aveva una maglietta senza le maniche,loro sostengono che il loro Dio non apprezzi la cosa.
Chi se ne frega, "andate voi" dico a moglie e figlio.
Ma la moglie insiste,così mi metto una maglietta sopra e entriamo tutti,alla fine ne è valsa la pena,lo devo riconoscere.

Mangiamo e poi prendiamo il treno per tornare a casa, stanchi ma soddisfatti, proprio un bel week end, una bellissima città....e abbiamo conosciuto 3 persone simpaticissime.

PS:
Nelle foto potete vedere l'ombrellino ridicolo sotto cui si celavano moglie e figlio;
io al Colosseo;
io e Lorenzo che giochiamo a san Pietro in Vincoli;
moglie e figlio da una vista del Colosseo.

2 commenti:

Snezana ha detto...

é un secolo che non vado a Roma(ci ho vissuto la i primi anni è poi quando ci siamo trasferiti in Umbria ho deciso che era il momento per i miei studi e cosi viaggiavo ogni giorno,(150km andata è 150 ritorno),non era facile,ma c'è lo fatta(ed ero una dei più bravi studenti)...ma forse se stavo a Roma non sarebbe andata cosi bene,sarei stata troppo distratta!Cmq.Roma e rimasta un bel ricordo.

France ha detto...

Sì Roma è proprio una bellissima città, anche se non ci vorrei vivere,troppo caotica.
Complimenti per il risultato dei tuoi studi:-)