mercoledì 21 aprile 2010

Resoconto week end a Torino



Lo scorso week end siamo andati a Torino per partecipare al battesimo della nipotina Zoe, evento importante a cui non potevamo certo mancare.

Il giorno antecedente al battesimo ci sono i grandi preparativi:
la cucina dei suoceri sembra quella del Gambero Rosso, la suocera direttrice d'orchestra impartisce ordini a destra e a manca, il suocero sforna pizzette su pizzette, moglie tutta piena di farina sembra Vissani, Lorenzo li prende per il culo e io ci rido, tutto in gran sintonia insomma!

La mattina successiva è il gran giorno:
sveglia alle 4 perché alle 9 ci danno la sala (bisognava prepararsi spiritualmente, che credete!), i suoceri forse per anticiparsi non sono nemmeno andati a dormire, moglie salta come un grillo per tutta la camera, Lorenzo cerca un oggetto contundente con cui abbatterla ma (s)fortunatamente non lo trova, a me per poco non prende un infarto per tutto quel trambusto..

La mattina la passiamo quindi nella sala presa in affitto, con tutti impegnati nel fare da mangiare (suoceri, moglie, Lidia, Daniele, mamma di Lidia, amiche e amici di Daniele, Zoe...) meno io e Lorenzo, che si è dilettato, nell'ordine:
- giocare con le costruzioni;
- lotta all'ultimo sangue coi presenti per riuscire a mangiare TUTTO ciò che preparavano (perché accontentarsi di mangiare un panino quando si poteva dare un morsino a TUTTI i panini del vassoio onde verificarne la genuinità??);
- occupazione dopo sanguinosa guerriglia urbana della cucina;
- perlustrazione del pavimento antistante la cucina (quello cioè in cui TUTTI dovevano passare continuamente) alla ricerca di mine antiuomo inesplose;
- vari tentativi di scoppiare i palloncini di Lidia;
- disegni denigratori della mamma su una lavagnetta appesa al muro.
La presenza di Zoe mette in apprensione l'amorignolo, che nasconde la faccina contro il petto della mamma per paura forse di essere mangiato dalla cuginetta...

Il pomeriggio aspettiamo la cerimonia,passiamo prima dalla sala e, mentre stiamo avviandoci alla chiesa, Lorenzo si addormenta: cerimonia saltata!

La festa è grandiosa, con tanta gente e tanta roba da mangiare, Lorenzo gioca perfino con un altro bambino,fino a che l'irreparabile, arriva la torta!

Moglie credendo di fare una cosa furba prende l'amorignolo e lo porta a vedere la torta (più grossa di lui!), dopodiché lo riporta via: tragedia!
Lorenzo: torta! torta! tortaaaaa! tortaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!! Tutta tutta tutta tuttaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!
Chissà come moglie pretendeva che Lorenzo si accontentasse di guardarla la torta...
Dopo l'intervento dell'esercito, della protezione civile e dei parà nel tentativo di fermare l'ira dell'amorignolo, e dopo vari spargimenti di lacrime e si sangue il tutto rientra nella normalità.
A pance piene, la festa finisce.
l giorno dopo portiamo Lorenzo in un bel parco, la sua richiesta è però bizzarra, abituato com'è ai posti della Toscana crede che tutto il mondo sia paese: si cerca i pinoli?
Io: non ci sono i pinoli quì!
Lorenzo: si cerca i pinoli?
Io: ma quì non ci sono..
Lorenzo: si cerca i pinoli?!?!?!?!
Io: Lorenzo, non solo non c'è un pino nel giro di svariati km, ma non c'è nemmeno l'ombra di un albero!
Lorenzo: si cerca i pinoli!!!
Io: va bene...
(indovinate quanti pinoli abbiamo trovato..)
La foto dimostra comunque l'impegno!

Dopodiché andiamo a fare un viaggio nella savana, tra leoni, rinoceronti e altri animali feroci riusciamo ad addomesticare una giraffa (è bastato offrirle due monete da 50 centesimi..) e così ci facciamo un giro sopra, chissà se con quel collo lungo non riesca ad avvistare qualche pinolo....

2 commenti:

Snezana ha detto...

Che bel week end che avete passato!
Voi cercate i pinoli e noi le ghiande!:)

France ha detto...

Ma anche voi in posti in cui non è minimamente possibile trovarne??:-)