mercoledì 28 luglio 2010

Si vede la pancia?


"Si vede la pancia?"

E' la domanda che mi sento fare più o meno quotidianamente da moglie dal giorno in cui ha scoperto di essere rimasta incinta.

Da un po di tempo a questa parte ho cominciato a risponderle di sì, non perché lo pensassi bensì perché non la sopportavo più...ma ieri, quando il mio sistema nervoso centrale stava andando in tilt alla richiesta "mi fai una fotina della pancina??" finalmente mi si sono aperti gli occhi:

"Moglie, ma il cocomero non va mangiato a fette???? Su,sputa!!!"

domenica 25 luglio 2010

Week end in montagna







Venerdì partiamo per il monte Amiata, dove ci aspettano Lorenzo e i nonni, che hanno passato lì tutta la settimana.
Nonostante tutte le preoccupazioni Lorenzo ha vissuto benissimo senza di noi...sic...

Comunque, ci diamo alla pazza gioia per tutti e 3 i giorni, non fermandoci mai un istante, correndo, saltando, girando, giocando....le prime 3 foto sono eloquenti.

Ma non ci facciamo mancare un po di sport, il nuoto è alla nostra portata nella piscina dell'albergo!
(foto 4 e 5).

Ma non ci facciamo mancare nemmeno i giochi, Lorenzo imbastisce i 3 porcellini e il lupo cattivo al parco giochi, costringendo i nonni in una piccola casetta,facendoli urlare di paura come i 3 porcellini e soffiando (e sbavando) nel tentativo lupesco di abbattere la casa.

Visto che la casa non vola via il Lupo Lorenzo cerca di passare dal camino (foto 6).

Per far divertire anche i nonni viene fuori tutto l'altruismo di Lorenzo, che indossa i panni del porcellino e trasforma la nonna in lupo cattivo, così ci si può divertire tutti! (foto 7).

Siamo stati bene, l'albergo era molto carino, il mangiare ottimo, i paesi molto belli, il clima ideale...purtroppo è durata poco, caldo siamo tornati!

mercoledì 21 luglio 2010

Il giorno della verità!

Ieri mattina, il giorno della verità.

La mia mente torna a 3 anni fa, quando VOLEVO un maschio, quando ho ordinato a moglie "fammi un maschio", quando ho semplicemente stabilito che era un maschio.

Sentivo le voci attorno a me, "guarda che se la pensi così e viene femmina ci rimani male", certo certo, peccato che io abbia stabilito che è un maschio.

E, infatti, maschio fu!

Stavolta voglio una femmina, "moglie fammi una femmina", anzi ho stabilito che è femmina.

Moglie invece la pensava diversamente, "sento che è un maschio".

"Taci donna di poca fede, voglio una femmina e femmina sarà"

La mattina andiamo dalla ginecologa, vuole vedere le analisi, la visita etc, mentre io mi rodo il fegato, vorrei attaccare quella macchinetta infernale per vedere cos'è!

Finalmente, dopo 20 minuti in cui partendo dalle unghie arrivo a mangiarmi le falangi, la macchinetta infernale viene collegata e ci mostra un esserino.

"Questa è la testolina...." dice la ginecologa.
"Chi se ne frega" penso, "è maschio o femmina??????"

Dopo aver scrutato per bene tutto il feto per un tempo che mi pareva interminabile, finalmente si pronuncia: "sembra proprio che sia una signorina!"

Hurrààààààààààààààààààààààà
wowwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwww

Rischio lo svenimento, ma non mi pare carino svenire lì, in diretta dalla ginecologa, mi riprometto quindi di svenire a casa.

Nel frattempo rimango lì a vedere quella creaturina femminile, la testolina,le braccina, le gambine, la mia futura figlia...
Mi rendo conto di aver stampata in faccia un'espressione da ebete, con un risolino a 36 denti che mi incornicia il viso,mi vedo li fermo a sorridere come uno scemo.

Moglie andiamo che voglio urlare la mia felicità al mondo intero!

venerdì 16 luglio 2010

Finalmente un'arma seria!

Qualche sera fa Lorenzo è uscito con moglie, visto che la mia attuale bronchite mi tiene ancora a casa.

Moglie è una pacifista convinta, da sempre dedita alla non violenza, che gira con bandiere,stendardi e polsini col simbolo della pace, che quando l'ho conosciuta la chiamavano la Mahatma Gandhi di via Pio decimo di Nichelino.

L'altra sera ha portato fuori Lorenzo e sono tornati con...una balestra!

D'altro canto l'amorignolo, dopo la pistola di plastica rubata a me, dopo la pistolina ad acqua con la quale si dilettava a sparare ai gatti (senza beccarli mai, n.d.r.) ha tirato fuori la sua indole guerrafondaia ed ha preteso un'arma pesante, degna di rispetto. A moglie non è rimasto altro che rassegnarsi.

Indossati i suoi vestiti da piccolo Rambo, pannolino mimetico e ciuccio da combattimento, ha provato, dopo aver sterminato una banda di motociclisti sulla strada del ritorno a casa, a procurarsi la cena con la lotta armata: voleva procurarsi il cibo per imbastire una grigliata di pesce!

Ecco il risultato...

video

lunedì 12 luglio 2010

Ciò che non vorremmo mai scrivere..

Spesso il mondo virtuale e quello reale si intrecciano, mostrando dei visi in carne ed ossa dove ieri c'erano solo entità,rappresentate da un avatar,conosciute solamente per il loro modo di pensare.

Da quando mi sono sposato è successo abbastanza spesso, soprattutto per merito di Elena e del forum che frequenta, il forum in cui mi ha trascinato e che mi ha pian piano entusiasmato.

Si comincia a incontrare gente,a passarci dei bei momenti assieme, ad affezionarsi.

Linko questo mio post, datato Lunedì 19 maggio 2008, in cui riporto uno di questi avvenimenti:

http://www.franceefamiglia.com/2008/05/ieri-splendida-giornata.html

Con Elena ci siamo detti spesso "cavoli, peccato abitiamo lontani" dato che loro sono di Lucca, ma alla fine il modo di vederci bene o male lo abbiamo sempre trovato, l'amicizia si è rafforzata e quel "primo impatto" che si era rivelato molto positivo ha avuto una conferma ancor più positiva.

Cosetta la seguo sul forum, colpito sempre positivamente dal suo modo di pensare.
Irene è una bambina splendida, il massimo della simpatia, ogni volta che ci vediamo ci divertiamo a giocare assieme, e quando le ho sentito dire a Luca che ero simpatico beh, sì, un po mi sono sciolto.

Damiano è uno splendido bambino coetaneo di Lorenzo, è bello vedere le differenze di comportamenti tra di loro.

E poi Luca,col quale ho trovato subito un'affinità.
Luca, che un giorno mi ha detto "France mi compro la moto".
Perché a Luca piacevano le moto, come a me.
Gli ho quindi fornito tutto l'abbigliamento che avevo,tuta antipioggia, casco, guanti, stivali etc e detto tutto ciò che sapevo.
Mi chiedeva consigli,io gliene davo.
Luca adorava parlare di moto, ne parlavamo assieme ogni volta che ne avevamo occasione, sia quando ci incontravamo su msn o su facebook sia quando ci vedevamo di persona.
Luca adorava la sua Kawasaki, "France dai vieni che te la faccio provare" mi disse un giorno in cui mi trovavo a casa sua,mentre le mogli parlavano tra loro e i bambini giocavano, "no Luca,meglio di no...che poi mi fai tornare la voglia".
Era così Luca.
Mi parlava entusiasta di ciò che aveva, della sua splendida famiglia, di quanto fosse apprezzato sul lavoro.

Parlo al passato perché da due giorni a questa parte Luca non c'è più,incolpevole vittima di un incidente in sella alla sua passione.

Io Luca lo ricordo così, e vorrei condividere questo mio ricordo con la sua splendida famiglia, a cui mando l'abbraccio più grande che ci sia.

Ciao Luca...

giovedì 8 luglio 2010

Un passeggino infernale

Ieri mattina,arriviamo al mare e parcheggiamo la macchina vicino ad un'allegra combriccola composta da un nonno, una nonna e due nipotini.

Scendiamo dalla macchina e vediamo il nonno che armeggia col passeggino, non riuscendo ad aprirlo.

Vede speranzoso moglie,vede che ha un bambino, giunge le mani in segno di preghiera ed esclama speranzoso:
"gentile signora, sa mica come si fa ad aprire questo passeggino?"

Moglie allunga una mano, come per dire "dammi quà vecchio rimbambito".

Inizia a fare la lotta col passeggino, ma sta perdendo, ficnhé non dice al simpatico nonnino:
"ha mica un martello, una mazza di ferro, una sega, una spada, un candelotto di dinamite.."

Il nonnino la guarda sorpreso.

Moglie: "su si ingegni, che devo fare tutto io??"

Nel frattempo il nipotino più grande apre bocca:
"dovrebbe esserci un gancino da sganciare.."

Moglie lo fulmina con gli occhi:
"lascia fare a me bambino" dice
Poi rivolta al nonno:
"Mi tenga fermo il passeggino che io prendo la rincorsa e..."

Nipotino più grande: "ma dovrebbe esserci un gancino"
Moglie: "e basta con sto gancino! su bambino fammi lavorare!"

Il bambino spazientito si avvicina, rimuove il fermo e apre il passeggino..

Mentre moglie passa la successiva mezz'ora a spiegare ai nonnini che le case costruttrici di passeggini fanno le aperture tutte diverse le une dalle altre per far diventare matti i genitori io e Lorenzo ci siamo già dileguati da tempo!

Il bello è che è vero che ogni casa costruttrice di passeggini inventa un'apertura diversa, io non ho ancora capito come si fa ad aprire il nostro...ma non me la sono sentita di confermarlo ai simpatici nonnini.

PS: in realtà moglie, dopo aver sperato che non la chiamassero, non è stata assolutamente saccente, e non ha quasi aperto bocca.
(ho dovuto specificarlo causa ormoni gravidi vacanti che minacciavano rappresaglie. n.d.r.)

venerdì 2 luglio 2010

Festa asilo nido







Martedì è stato l'ultimo giorno di asilo, mercoledì c'è stata la festa, coi saluti finali.

Abbiamo detto a Lorenzo che in quel posto non ci andrà più, e lui sembra averlo capito, dato che mercoledì pensava di andare "all'asilo coi bimbi grandi".

La festa prevedeva la recita di Biancaneve e i 7 nani, dove i bambini dovevano fare i nani (con costumi confezionati dai genitori) e mamme e babbi volontari facevano il resto.

I bambini nani dovevano stare seduti intorno e entrare a ballare quando gli veniva detto:
Lorenzo invece sfruttando la presenza di mamma a babbo ha deciso di sedersi con loro, finché la mamma non si è intrufolata in mezzo agli altri bambini a fargli compagnia (nonostante il tentativo di mimetizzazione la si notava benissimo!)

Dopo la recita c'è stato il buffet, abbiamo mangiato mentre i bambini giocavano...

Mi spiace che sia finito l'anno scolastico e che in quell'asilo Lorenzo non potrà più andare.
E' finita una fase della sua vita, ovvero l'asilo nido.
Abbiamo salutato tutti, con un po di malinconia..