lunedì 27 settembre 2010

Ci prepariamo per l'inverno






Diciamo così, Lorenzo si sta preparando per l'inverno:
giacchettino leggero, pantaloni corti e....cappellone di lana con le orecchie!!

Non solo ha voluto il cappellone di lana con le orecchie, ma ha anche voluto essere lui a metterselo, senza che noi potessimo toccarglielo.

Ovviamente quando siamo usciti siamo andati in luoghi deserti ove c'era l'impossibilità di incontrare non solo un conoscente ma anche anima viva.

Moglie non ha voluto essere da meno, quando si tratta di fare qualche idiozia è sempre in prima linea...

giovedì 23 settembre 2010

Un pomeriggio ai gonfiabili

Oggi pomeriggio,vista la bella giornata, decidiamo di portare Lorenzo ai gonfiabili.
Lorenzo è entusiasta della proposta,così andiamo.

Viste che le condizioni sferiche di moglie le precludono lo stare ferma in piedi per più di 3,7 secondi, mi sono tolto le scarpe e sono entrato io.

Appena entrato mi metto vicino alla staccionata per sorvegliare Lorenzo senza però stargli addosso, mi si incastra un calzino in una scheggia di legno....risultato: un bel buco in un calzino e io che facevo finta di zoppicare per non alzare mai il piede da terra, vergognandomi come una biscia...

Dopo mezz'ora di salti sulle reti è arrivata l'ora dei gonfiabili per bambini piccoli:

video

Dopo una decina di discese sui gonfiabili per bambini piccoli ecco che proviamo quelli per bambini grandi, perché "io sono grande babbo!"

video

Beh, lo scopo del gioco non è proprio quello...

E' l'ora di andare a fare la pappa, ma Lorenzo da quell'orecchio non ci sente.
Moglie: Lorenzo dobbiamo andare..
Lorenzo: No!
Moglie: Andiamo che....dunque...beh...abbiamo finito i soldini!
Lorenzo: non si sono finiti i soldini!
Moglie: li abbiamo spesi per i gonfiabili e non li abbiamo più..
E quì, dopo aver fatto due conti, la parte economista dell'amorignolo viene fuori..
Lorenzo: allora se abbiamo speso i soldini per i gonfiabili portiamo a casa i gonfiabili!

In effetti, non fa una grinza...

martedì 14 settembre 2010

Piacere, sono il signor Merlo!

In questi giorni mi sono ritrovato ad essere Il Signor Merlo...

Ora dico io, con tutti i personaggi dei cartoni animati che vede, con tutti i personaggi dei fumetti che conosce, con tutti i protagonisti dei documentari o delle foabe che ci sono, anche animali (gli piacciono i dinosauri, potevo essere un tirannosauro!!), perché deve chiamarmi SIGNOR MERLO??

Lorenzo: signor merlo cosa fai?
Io: dici a me?
Lorenzo: sì! signor merlo cosa fai?
Io: vaneggi?
Lorenzo: signor merlo cosa fai?
Io: chi è il signor merlo?
Lorenzo: te!

Dopo un po:
Io: mamma è il signor merlo?
Lorenzo: no!
Io: chi è il signor merlo?
Lorenzo: te!
Io: ma no, nonno è il signor merlo!
Lorenzo: te sei il signor merlo!

Ho chiesto al nonno se è mai stato chiamato signor merlo dal simpatico nipote, e il nonno dice di no.

Ho l'esclusiva.
Sono il signor merlo!

Qualcuno sa chi sia sto signor merlo??
E non rispondete TE!

PS:ma un figlio normale no eh?

lunedì 6 settembre 2010

Lorenzo pilota

E' giunta l'ora.
Lorenzo deve conoscere le due e le quattro ruote.
Andiamo in pista!

Mettiamo a scelta Lorenzo, moto o auto?

Auto, dice Lorenzo.

Il cameraman si prepara, la regia è pronta:

video

Lorenzo, ben presto stufo delle 4 ruote, che secondo lui non sono capaci di regalare forti emozioni, opta per le due, esprime quindi il desiderio di cavalcare una possente Harley.

Il cameraman si prepara, la regia è pronta:

video

Dopo due metri Lorenzo decide che nemmeno questa situazione riesce ad emozionarlo..

C'è però un modo perché si verifichi lo scatenarsi di forti botte di adrenalina, cosa c'è di meglio in sella ad una due ruote, che inseguire il proprio babbo tentando di investirlo??
Giudicate voi:

video

Lorenzo non me ne volere ma con la pista, al momento,hai chiuso!

giovedì 2 settembre 2010

Wanted, dead or alive


Pericoloso criminale in erba fugge da un asilo in cui era detenuto, dando alle fiamme i giocattoli e legando e imbavagliando le maestre in uno sgabuzzino.

Ecco la foto, scattata con rigorosa tuta da carcerato, del pericoloso criminale:
dalla sua truce espressione trasuda tutto il suo odio verso la società.

Attenzione, è pericoloso!

Cavoli, ma come si fa a fare una fototessera con quell'espressione??

Partiamo da capo.

Primo giorno di asilo!

Siamo tutti in fermento, ci siamo attrezzati di tutto punto, ci siamo preparati psicologicamente.....ehm, niente di tutto ciò.

La mattina vediamo fermento davanti all'asilo,che per puro caso abbiamo sotto casa, moglie scende e scopre che è il primo giorno, solo che si sono dimenticati di avvertirci!

Moglie afferra l'amorignolo mezzo addormentato e mezzo svestito per un braccio e si catapultano all'asilo, dove Lorenzo inizia subito a giocare facendo finta di non conoscere sua mamma...

Due ore che passano in fretta, Lorenzo si è ambientato subito senza apparenti problemi.

All'asilo chiedono 4 foto tessera, così Lorenzo, informato sullo scopo delle foto, si ricorda in un attimo che la mattina non era stato avvertito dell'inizio dell'asilo...il risultato è quello che vedete in alto!