giovedì 9 dicembre 2010

Un pomeriggio al luna park

Da qualche giorno a Piombino è arrivato il Luna park, come sempre in questa stagione.

Il periodo di arrivo non è casuale, il freddo bestiale è una sorta di anestetico contro il dolore da emorragia di soldi che ti fanno spendere...

E' freddo è vero, ma Lorenzo si premonisce anche troppo, pensando forse di andare sulle slitte da neve trainate dai cani o di andare a far compagnia a babbo natale sulla slitta trainata dalle renne.
Comunque...eccovelo in versione eschimese!

Appena arriviamo c'è subito la giostra che lo aspetta, sono due bambini, lui che sceglie una macchina e un'altra bambina più piccola che va su un elicottero.
Il simpaticissimo giostraio che parla al megafono dice che con un filo calerà un pupazzetto, chi lo prende vince un giro gratis.

L'amorignolo e la bambina si guardano in cagnesco, con aria di sfida, girano la entrambi la testa verso il pupazzino e sussurrano "a noi!!".
Ehm...ok dai vi racconto la verità:
la bambina, esortata dalla mamma (non vale suggerire, eccheccavolo!), tiene in alto un braccino a mò di statua della libertà, attendendo forse che il pupazzino, animato di vita propria, decida di staccarsi da solo dal filo e gettarsi, stile kamikaze, nella sua mano;
l'amorignolo non ha assolutamente capito cosa sta succedendo, cosa deve fare, quale sia lo scopo del gioco e cosa abbia detto quel tizio col microfono, fatto sta che si gode il viaggio in macchina tranquillamente, anzi infastidito da quella presenza nefasta che ogni tanto gli sventola vicino al naso a mò di mosca!

Meglio così, il difficile sarebbe stato spiegargli che, se lo avesse preso, non avrebbe potuto tenerlo...

Dopo un commento al microfono del tipo "ma quel bambino dorme come una valigia" e una mia minaccia di morte mimata all'indirizzo di quell'orco, il pupazzino non lo vince nessuno, io e la mamma della bambina avviiti ci facciamo una risatina di circostanza, abbiamo raccattatiamo i nostri figli e ci dileguiamo!

Poi è la volta del bruco mela...
Ovviamente con la scusa del pancione ci devo salire io assieme a Lorenzo!
Appena partiti dico a Lorenzo di tenersi con forza, "guarda come si va forte!!"....alla fine è lui che mi guarda con aria strana mentre sono avvinghiato al seggiolino, infreddolito ed impaurito..

"Voglio un regalino, si vince qualcosa babbo??"
Ellosapevo che mi tocca umiliarmi coi giochini scemi...

Troviamo qualcosa di adatto, qualcosa in cui non faccio figuracce, ed eccomi, con un retino in mano a pescare palline sospinte in aria dal vento!
41 palline prese, Lorenzo sceglie il gioco: un set comprendente pistola, bersaglio, borraccia, radioline, insomma tutto il necessario per dichiarare guerra alla mamma.

Moglie poi se ne esce fuori con lo zucchero filato, "Lorenzo lo vuoi lo zucchero filato?"
Lorenzo: "No"
Moglie: "Chi se ne frega, lo voglio io!"

Ovviamente Lorenzo lo assaggia, gli piace e a moglie gliene tocca poco..

Fine della serata, infreddoliti, alleggeriti di una ventina di euro ma felici!

2 commenti:

Sofia ha detto...

Bella serata!!
Anche qui c'è da un pò di giorni e appena Rebecca sta meglio la porto...nel frattempo venerdi sera ci sono andata io con un pò di amici :)
Un saluto a tutti.Sofia

France ha detto...

Io mi sento un po troppo vecchio per andarci coi miei amici:-)))
Comunque siamo tornati ieri e Lorenzo ha preso il pupazzino attaccato al filo che l'omino fa volare, era contento matto, solo che quando glielo hanno tolto di mano e gli hanno dato un biglietto gratis per il giro successivo non c'è rimasto tanto bene!