mercoledì 22 giugno 2011

Un paio d'ore sul lago Maggiore

Oggi finisce la nostra minivacanza, per non farci mancare nulla prima di tornare a casa facciamo una capatina sul lago Maggiore, noi per vederlo e il Lory per provare l'ebbrezza della navigazione.

Il Lory è entusiasta dell'idea, facciamo i biglietti mentre sbagliamo la strada per il pontile per la terza volta il controllore ci indica a gesti da dove passare...in realtà non è colpa nostra, è che dalla biglietteria al pontile è come un labirinto, credo ci sia anche un minotauro che cerca l'uscita ormai da decenni.

Arriviamo e il Lory tramuta l'entusiasmo in angoscia, in pianto e in disperazione: "ho pauraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!! Non ci voglio salireeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee"

Visto che i biglietti sono stati pagati il Lory si attacca e sale, volente o nolente (nolente in questo caso)

Tempo poco e cambia idea, è interessante il Draghetto, come lo chiama lui, se avessimo preso una barca sarebbe stato pericoloso ma il Draghetto è sicuro, afferma il Lory senza remore.

Per vedere meglio il panorama andiamo sul piano di sopra, dobbiamo scendere alla prima fermata.

Il traghetto si ferma, moglie conta le paperelle nel lago mentre il Lory se ne sta comodamente seduto a rimirarsi il panorama, "la gente sta scendendo moglie" le dico, "ora si va, sempre a metterci fretta stai!"
"Andiamo va che la gente è scesa..anzi mi pare che il traghetto stia ripartendo" dico
"E' la corrente, sono le onde, è solo una tua impress.....corriiiiiiiiiii!!"

Morale della favola il traghetto era già partito, ma visto che gli abbiamo fatto pena sono tornati indietro, hanno riattraccato e ci hanno fatti scendere, il tutto è durato quasi 10 minuti e sotto i loro sguardi trucidi, mentre noi ci vergognavamo come biscie e mentre moglie diceva al Lory "quando ti si dice di scendere devi scendere, non puoi rimanere li, impalato a guardare chissà cosa, lo vedi cosa sono costretti a fare questi gentilissimi signorti per colpa tua?"

Ma credo che nemmeno i gentilissimi signori ci credessero...


Nessun commento: