giovedì 27 dicembre 2012

Il secondo compleanno di Marzia, auguri!!

Oggi la mia Marzina ha compiuto due anni...

Già, due anni sono passati da quando è arrivata tra noi, un freddo pomeriggio di dicembre, facendomi riempire gli occhi di lacrime dalla gioia esattamente come tre anni prima, facendomi riprovare quelle emozioni che capitano solo in queste occasioni.

Due anni di gioie vicino ad una bambina che amo sempre di più ogni giorno che passa, una bambina che mi fa commuovere ogni volta che dice "babbo" con voce estasiata e mi butta le braccine al collo, e io me la spupazzo tutta sperando che quel momento non finisca mai.

Due anni in cui mi ha fatto sentire orgoglioso,quando ha mosso i primi passi, quando ha detto la sua prima parola, felice,quando per lei esistevo solo io, ma in cui mi ha anche fatto preoccupare, quando ad esempio la mamma non c'era e lei, abituata ad essere allattata, non mangiava.

Che bello la mattina farsi svegliare da lei, che si arrampica sul letto e viene a farmi le carezze, mi da l'orologio e mi dice "acci" (ti alzi), poi mi da la manina e mi porta in sala a giocare.

Va beh, bando alle smancerie e veniamo a stasera, alla festicciola che le abbiamo fatto, presenti tutti i nonni possibili e immaginabili.

Si è meritata una bella torta di Peppa Pig:
e un sacco di regali:


Ma la cosa più divertente è stata spegnere le candeline:
video

mercoledì 26 dicembre 2012

E' passato Babbo Natale!!!!

Un video vale più di 1000 parole,buon Natale a tutti!!!

video

giovedì 20 dicembre 2012

Abitudini mattutine

Sveglia ore 7:45, con moglie che entra in camerina come un terromoto urlando "sveglia uominiiii!!! e schivando prontamente la ciabatta che le viene scagliata direzione tempia, Marzia prima salta sulla mia schiena e poi si arrampica sul lettino di Lorenzo: ne nasce una colluttazione prontamente domata da me in stato comatoso sotto le direttive di moglie urlate dal bagno (dove è prontamente fuggita scaricando ogni responsabilità).

Ci alziamo, preparo il latte coi cereali a Lorenzo mentre Marzia mangia i cereali da soli, senza latte.
Lorenzo vuole la tv accesa e mangia al ritmo di una cucchiaiata di cereali ogni 7 minuti circa, Marzia invece pretende di essere imboccata col cucchiaino, UN cereale alla volta, per una durata di 45 minuti circa, finché non le viene detto che sono finiti.

E' il momento di lavarsi e vestirsi.

Lorenzo scappa per tutta la casa con moglie che lo rincorre inveendogli contro, Marzia si divincola tra le mie braccia in preda a risa convulse,poi urla "ghiacciaaaaaaaaaa!!" riferendosi all'acqua, ancor prima di averla sentita sulla pelle, tanto per mettere le mani avanti, la lotta finisce che ce la facciamo, non senza difficoltà, a lavarli...e a lavarci, visto che l'operazione richiede una doccia totale anche nostra.

Bisogna vestirsi, Lorenzo si dedica al lancio del pantalone, disciplina inventata da lui atta ad abbattere moglie che gli si avvicina cercando di colpirla alla base del cranio, moglie ha imparato a parare il colpo e reagisce infilandogli la maglia di sorpresa, mentre lui protesta lei approfitta subdolamente per infilargli anche i calzini, fino a che l'operazione si conclude.

Marzia sgambetta ridendo e per me è veramente difficile, con un braccio la tengo sollevata mentre con l'altro tento di infilarle i pantaloncini, poi prendo una caramella e gliela agito sopra la testa, le alza le braccina per afferrarla e io prontamente le infilo la maglia.
Fine della guerra, la casa presenta i resti della battaglia, vestiti morti e feriti giacciono in un lago d'acqua.

Mancano il giubbotto e il cappello, nel frattempo Marzia pensa bene di togliersi le scarpine e corre per tutta la stanza scalza, prontamente placcata da moglie in stile football americano e,mentre si divincola, io le rimetto le scarpine.

Giubbotto e cappello dicevamo, bene, passi il giubbotto ma il cappello lo sceglie Marzia, e amen se è estivo...sfiniti, non osiamo controbattere...
Inizia così la giornata.

domenica 16 dicembre 2012

Visite specialistiche

Lorenzo dice male la lettera S quando seguita da alcune consonanti e poco la lettera R, quindi decidiamo di portarlo da una logopedista, per fare un controllo.

Ovviamente non ci vuole andare, alla fine lo si convince e si va: un'ora di visita, tutto nella norma.
Al momento di venire via son dolori, Lorenzo ha fatto amicizia con la logopedista e non la vuole più lasciare, andandosene chiede ripetutamente quando ci si torna.

Il giorno dopo c'è l'appuntamento col dentista, una visita di controllo, ha 5 anni e vogliamo vedere che tutto proceda bene.
Ovviamente non ci vuole andare ma alla fine lo si convince: tutto nella norma, se continua così sarà uno dei pochi bambini che non avrà minimamente bisogno dell'apparecchio.
Dopo la mamma deve farsi un'otturazione, così l'idea è che io lo porti a casa.
E qui son dolori, si è divertito tanto!

Ne sussegue una conversazione ai limiti del surreale:
Lorenzo: "Voglio rimanere dal dentista!!!!" e giù pianti
Io: "Ma ti ha già visitato, va tutto bene!"
Lorenzo: "E mamma??"
Io: "Mamma ha una visita lunga"
Lorenzo: "Non è giusto, anch'io voglio una visita lunga!!!" e giù lacrime
Io: "Lorenzo andiamo a casa dai..."
Lorenzo: "Quando mi ci riportate dal dentista???"
Io: "Dai che si va al luna park"
Lorenzo: "Io non voglio andare al luna park, io voglio andare dal dentista!!" e giù singhiozzi
(E questa me la segno!)

Lorenzo è sempre più disperato..
Io: "Non sei contento di stare bene?"
Lorenzo: "No, anzi, mi sento anche male! Portatemi almeno dalla logope....insomma quella logoqualcosa!!"

Un caso disperato?

martedì 11 dicembre 2012

Capita dai, basta assumersene la responsabilità

Stamani moglie: "Su prepara la bimba,essere inutile"
Così ho preparato la bimba, spogliata, tolto pannolino sporco, lavata, asciugata e rivestita.
I più attenti avranno notato che manca un passaggio.

Dopodiché abbiamo portato Marzia all'asilo.

Dopo pranzo sono andato a prendere la bimba all'asilo.

Moglie: "Tutto ok Marzia all'asilo?"
Io: "Ci sono 2 notizie, una buona e una cattiva, quale vuoi per prima?"

Moglie, allarmata: "Quella cattiva!"
Io: "Stamani mi sono dimenticato di mettere il pannolino a Marzia, infatti si è sporcata i pantaloni..."
Moglie: "Ha ha ha che scemo! E quella buona?"
Io: "Ho dato la colpa a te..."

lunedì 10 dicembre 2012

Letterina a babbo natale

Anche quest'anno è stata scritta la letterina a babbo natale,ovviamente adattata alla crisi, allo spread, a berlusconi che ridiscende in campo perché noi italiani glielo chiediamo, ai contratti di solidarietà e all'abolizione dell'articolo 18 dei lavoratori che ha portato frotte di investitori stranieri in Italia ridimensionando lo stesso babbo natale made in Italy (pensare che volevano comprare anche casa mia e assumermi a tempo indeterminato per tenerla in ordine).

La crisi dicevamo, che nella letterina dettata da Lorenzo a moglie (per questo risulta illeggibile persino a babbo natale, moglie ha sbagliato mestiere, doveva fare la dottoressa) ha colpito esclusivamente Marzia, 8 regali a 3 per il nostro eroe.

Ve la ripropongo nella sua interezza,anche se Lorenzo si è dimenticato di metterci tuuuutti i giochi pubblicizzati su Rai yoyo e tuuuuutti i giochi presenti nelle varie vetrine dei negozi di Piombino, qualcosa arriverà,qualcosa no, babbo natale è già on line su ebay


mercoledì 5 dicembre 2012

I compleanni di Lorenzo

Lorenzo ieri ha compiuto 5 anni!! (auguri e applausi!).

Ma visto che a noi piace fare le cose in grande, lo festeggiamo ben 3 volte:
una con gli amici;
uno all'asilo con i compagni e le maestre;
una in famiglia.

Si comincia con quella con gli amici, data:
Sabato 1 Dicembre.
Un mese prima moglie ha già organizzato tutto, girato per 74 negozi,informata sui prezzi dei tovagliolini, degli stuzzicadenti colorati da applicare sui tramezzini, scelto i regalini da dare ad ogni bambino (da dove proviene moglie il compleanno è una sorta di Natale, dove il festeggiato riceve i regali ma ne fa anche uno ad ogni bambino...so strani lo so), assaggiato tutti i panini di tutti i forni della città con confronto di rapporto qualità/prezzo,scaricato da internet kg di ricette culinarie, comprato un catalogo di cucina, preparato il menù, prenotato la stanza, contattato un'animatrice ma non prima di essersi informata su tutte le animatrici presenti sul pianeta Terra, predisposto già mentalmente il mobilio della stanza, fatto i bigliettini di invito, compilati e recapitati agli invitati etc etc etc etc

Mancano 10 giorni, siamo tutti in fermento e.....piove!
Cavoli, e se piove anche tra 10 giorni??
La festa è al chiuso.
Nonno paterno: Speriamo che non venga un temporale fortissimo che poi la gente decide di non volersi bagnare e non viene!
ehm...
Nonno paterno: E se mentre si porta dentro la torta arriva una bufera e ce la fa volare dalle mani??
Murphy in confronto era ottimista!

Intanto le bufere proseguono imperterrite, e 3 giorni prima della festa Marzia fa una vomitatina mattutina!
Moglie (amica intima di Murphy nonché musa ispiratrice della sua legge): Ora ci appesta tutti!!! Speriamo di resistere almeno fino a domenica mattina, poi possiamo ammalarci!!

Arriva il sabato, moglie e suoceri cucinano, nonno paterno si occupa della torta, io....io.....coordino il tutto.
Iniziano i giri per portare i cibi al fondo in affitto, distante si e no 300 metri.
Moglie intanto carica i suoceri in macchina e, degna del suo soprannome di Saetta McMoglie, riesce sempre a migliorare il tempo sul giro.
Intanto mi si chiude lo stomaco, e anche a moglie, mentre i suoceri nel percorrere i 300 metri che distano da casa nostra al fondo si perdono e ci chiamano chiedendoci indicazioni stradali.

E' l'ora della festa, ma siamo in ritardo anche alla nostra festa...e ovviamente piove!
Nel diluvio universale,predetto 10 giorni prima dal nonno, arriviamo al fondo, e troviamo già un bambino ad aspettarci.
La festa è un gran successo, gli invitati,pur se nella bufera, arrivano lo stesso, l'animatrice è fantastica, quando vado a prendere la torta ovviamente diluvia, ma io e suocera, nonostante (io) riesca a sbagliare strada sempre nei 300 metri famosi, ce la caviamo alla stragrande.

Istantanea della torta dei gormiti scattata da moglie, che, maestra nell'arte della fotografia, non capisce che se ci punta il flash non si vede granché:

Ci siamo suddivisi i compiti: io le foto e moglie i video.
Per questo video non ne vedrete...
I regali sono tanti e bellissimi, e scartarli è magico:

La festa è stata bellissima, anche se a causa delle condizioni atmosferiche non si poteva uscire l'animatrice è stata bravissima e ha fatto giocare tutti i bambini, mentre la figlia gli faceva i tatuaggi, la roba da mangiare era tantissima e moglie aveva preparato anche cibi vegani per amici carissimi che osservano quella dieta.

Siamo a casa, moglie insiste: meno male,l'abbiamo scampata, adesso possiamo anche ammalarci tutti!

E infatti dopo un paio d'ore inizio a vomitare io, poi moglie, poi la mattina dopo Lorenzo e infine suocera.
E volano gli insulti...

Il 4 dicembre, giorno in cui è nato:
la seconda festa, quella all'asilo.

Portiamo all'asilo 3 crostate,tanti succhi di frutta e le candeline:

Uscito dall'asilo diciamo a Lorenzo che, visto che è il suo compleanno la sera si mangia tutti assieme...
"Un'altra volta il mio compleanno allora ho 6 anni??" dice lui
No ne hai sempre 5 non cresci così in fretta ma stavolta lo festeggeremo in famiglia.
Tortina:

Spegne la candelina col 5!!

I regali!

Anche Marzia ha un regalino, su nonno scartaglielo!

Due belle pantofoline!!

E ora tutti a giocare!! Anche se quella che si diverte di più è sempre lei..

venerdì 23 novembre 2012

Il presepe!

Nonostante manchi più di un mese al Natale Lorenzo ha già fatto il presepe,eccolo:


Cliccare sulla foto per ingrandire, dopodiché osservare gli animali, tipici del presepe, presenti vicino ai numeri.

Di seguito pubblico la legenda:

1) Mega coccodrillo del Nilo, immancabile in ogni presepe

2) Tirannosauro, per indicare quanto siano antiche le nostre tradizioni

3) Scorpione grande come un cavallo,a sottolineare la velenosità del troppo mangiare sotto le feste

4) Gallo delle dimensioni di una mucca, per dire che bisogna alzarci presto per aprire i regali

martedì 13 novembre 2012

Arriva il tecnico

Stamani, moglie: "Marito un giorno di questi viene il tecnico a fare manutenzione alla caldaia"
Io: "Quando?"
Moglie: "Boh, oggi, domani, dopodomani, chi se lo ricorda...io devo uscire, semmai svuota tutto il terrazzo, daicci un colpo di scopa, passaci lo straccio, togli la roba da sopra la lavatrice etc, altrimenti non ci può lavorar..."
DLIN DLON!!!
Io: "Ma porca putt..."
Moglie: "Te l'ho appena detto!! Su continua a stare li impalato, sembri uno stoccafisso!!"
Io: " Ma...ma..."
Moglie: "Adiòs!"

La odio...

domenica 11 novembre 2012

Caldaia in blocco..

Oggi dopo pranzo, voglio fare la doccia, apro l'acqua calda ma...esce solo fredda.
Controllo la caldaia, è in blocco!

"Moglie c'è la caldaia in blocco!" dico esasperatamente allarmato.
Moglie: "Come c'è la caldaia in blocco?"
Io: "Cosa c'è nella frase c'è la caldaia in blocco che non hai capito?"
Moglie: "Spostati uomo, lascia fare a me, incapace"

E si mette li e smanipola, smanetta, e intanto impartisce ordini:
"Metti l'acqua calda!"
"Non viene..."
Moglie: "Metti l'acqua fredda!"
Io: "Viene fredda, sei un mito!"
Moglie: "Taci e rimetti l'acqua calda, ora tiepida, ora fredda, ora temperatura ambiente, ora gelida, ora voglio vedere le fiamme uscire da quel rubinetto, ora tiepiduccia..."
Io: "Viene solo fredda,per la cronaca"
Moglie: "Lo so, taci e obbedisci!"

Nel frattempo moglie si ripete tra se e se la procedura: "Metti su zero, su uno,su due, su tre, taaaaac il reset....prova oraaa!!
Niente...

Io: "moglie posso provare una volta io?"
Moglie: "Eccolo, è arrivato, falla finita e vai ad aprire l'acqua, mettila diciamo caraibica..."

Moglie si distrae, vado alla caldaia, giro la manovella su reset: "Moglie prova un po"
Moglie: "Funzionaaaa!!! Hai visto come sono stata brava??"
Già...

sabato 10 novembre 2012

Si cresce e si fanno progressi!!

Marzia cresce, e fa un sacco di progressi.

Innanzitutto è passata dal non mangiare niente a mangiare tutto, ma proprio tutto, dagli spaghetti alle vongole, dalla carne alla verdura, dal sushi al kebab.


Marzia parla,anche se non coniuga i verbi si fa capire, mamma, babbo, nonni,Eccio (Lorenzo), nanna, endi (scendi), ire (uscire), ete (sete), eddo (freddo), precipitevolissimevolmente etc

Quando le scappa un bisogno lo dice, cacca!, noi la mettiamo sul water e lei la fa.

Alle giostre ha imparato a spingersi sull'altalena, al contrario di Lorenzo, infatti a lui si dice "guarda come fa Marzia (!!)"

Poi è diventata mamma e ha imparato ad allattare suo figlio:


Ma è anche dispettosa, spesso fa piangere Lorenzo, apposta..

Scena di oggi: siamo io, lei e moglie sul letto.
Marzia a moglie: "acci!" (Ti alzi!)
Moglie "se mi dai un bacino mi alzo"
Marzia da un bacino a me.
Moglie: "ora dai un bacio anche a mamma così si alza"
Marzia da un altro bacio a me
Allora moglie si avvicina per ricevere il bacio
Marzia "ia!!!" (via!!") e la allontana con una mano "Babbo!" e da un altro bacio a me.
Moglie si alza sconsola, che mito di figlia!
In compenso Lorenzo è un periodo che mi vuole morto, alla domanda "quando impari ad andare in bici senza ruotine risponde "quando babbo è morto".
Non si può avere tutto dalla vita...

lunedì 5 novembre 2012

Halloween!

E siamo arrivati a Halloween, Lorenzo è impaziente di andare in giro vestito da diavolo, con corna e forcone, per negozi a fare dolcetto o scherzetto.
Ovviamente tocca a me portarlo, moglie accampa varie scuse.

Ma purtroppo c'è il diluvio universale e non si può andare, così decidiamo di portarlo a cena in un locale che piace a lui, ovviamente travestito.

Visto che prevediamo un po di gente partiamo presto, per le 19 siamo li, così si evita il pienone.
Si parte, sotto le intemperie.
Si arriva, il locale scoppia di gente, tutti i bimbi mascherati.

C'è la festa di halloween! Meno male!

Scendiamo di macchina, sotto l'acqua, e appena arriviamo alla porta tutta la gente esce, contemporaneamente.

"Come mai vanno tutti via babbo?" esclama un sorpreso Lorenzo.
"Non lo so, ci avranno visti..." replico sconsolato.

Entriamo e leggiamo "Festa di Halloween dalle 16 alle 19"
Perfetto.
Almeno si mangia in pace, per fortuna qualcuno travestito è rimasto.

Si finisce di mangiare, fondamentalmente abbiamo passato una bella serata.
Usciamo, ci sono dei cartoncini rappresentanti delle figure per terra, tutti bagnati.

Lorenzo ne vede uno rappresentante un pipistrello, "Prendo il pipistrellino!!"
"Lorenzo piove e oltre a bagnarci quella carta è tutta impregnata d'acqua, lasciala in terra".
"No lo prendo, così lo attacco al mio bel costume da diav..."
Non finisce la frase perché lo scivolone sul marciapiede scivoloso gli toglie le parole, urla e strilla, mentre il suo bel costume da diavoletto è tutto sporco.

"Ti salvo io" dico, e mi fiondo in suo soccorso.
A differenza sua però riesco a finire la frase prima dello scivolone sul marciapiede scivoloso.
Padre e figlio sdraiati a terra, fradici, sotto la pioggia, scena degna di Halloween..

Lorenzo diavolo:
Lorenzo e Marzia:
Strega di Halloween:

sabato 27 ottobre 2012

Giro in bici

E' pomeriggio, decidiamo di uscire, mentre lo facciamo vedo la bicicletta di Lorenzo e mi viene un'idea:
"Lorenzo vuoi prendere la bicicletta?"
"Siii!" Risponde entusiasta il Lory.
Ma è polverosa, così mi metto a pulirla tutta per bene.
Moglie: "Marzia vuoi anche tu la biciclettina?"
"No" risponde lei, che non ha minimamente capito cosa le ha chiesto moglie, ma quando non capisce dice no, non si sa mai, e moglie almeno ha la coscienza pulita per un'eventuale successiva incazzatura della ciccina appiedata.

Usciamo dal portone e Marzia si avventa sulla bicicletta del Lory, che piange e lotta per tenersela, "Ici" dice la ciccina, mentre moglie tergiversa: "Marzia stai protestando perché dici che è ingiusto pagare l'Ici?"
"Prendile la bici scema"

Quella di Lorenzo ha le gomme sgonfie, dobbiamo andare in garage a gonfiarle, mentre moglie deve andare nel box dietro casa a prendere quella di Marzia, ovviamente non ha portato le chiavi così prende le mie e si avvia, mentre io e i pargoli la aspettiamo fuori dal garage, che non posso aprire perché appunto le chiavi le ha moglie.
I pargoli mettono su un sit in di protesta, Marzia vuole fregare a bici del Lory, che a sua volta ne rivendica il possesso urlando e piangendo, mentre finalmente arriva moglie con la biciclettina.

Apro il garage, metto in moto la macchina e attacco all'accendi sigari la pompa elettrica, metto l'altra estremità alla valvola della ruota della bici di Lorenzo ma non si gonfia.
Il Lory spazientito protesta.

Moglie si ricorda di avere una pompa in casa, così vado a prenderla.
Torno con pompa e gonfio.
Ma il sellino è troppo in basso, non abbiamo le chiavi necessarie per alzarlo, ma nel portabagagli della macchina c'è una piccola cassetta degli arnesi, così rimetto in moto l'auto, la sposto quel tanto che basta per prenderla e moglie provvede ad alzare.

Il sellino di Marzia invece è troppo alto, quindi lo abbassiamo, poi rimetto gli arnesi in macchina, la rispengo, rimetto lo scooter in garage (che avevo tolto per guadagnare spazio vitale) e chiudo la serranda.

Intanto si è fatta notte ed è l'ora di tornare a casa...

Ma una giratina ormai dobbiamo farla lo stesso, a costo di saltare la cena.


Marzia parte sparata, moglie la controlla con l'apposito manico col quale fa girare il manubrio, ma il manico è rotto e il manubrio lo fa girare Marzia con le manine.
Dopo il rischio di uccidere un paio di passanti moglie tiene la ruota davanti alzata agendo sul manico, ma Marzia non è mica scema e si incazza come un ornitorinco, così la spingo io spezzandomi 3 braccia per riuscire a farla andare dritta col manico che gira a vuoto, ma ne vale la pena.

Torniamo a casa, entrambi hanno apprezzato l'idea dell'uscita in bici, a Marzia non basta mai..



giovedì 25 ottobre 2012

Gita asilo

Oggi gita con l'asilo, destinazione parco della Fenoria per raccogliere castagne.

Ma partiamo da ieri.

Non ricordandoci l'orario della partenza dico ai miei,che devono andare a prendere Lorenzo, di controllare l'orario scritto sul cartello posto sulla porta d'entrata dell'asilo.
Ovviamente se ne dimenticano.

L'asilo è chiuso e dal cancello non si legge il cartello posto sulla porta, è troppo lontano.

Ma non ho fatto i conti con moglie-genio: "Prendi la macchina fotografica e con lo zoom al massimo fai una foto, poi la metti sul pc e leggi!"

Mi dico che è bello ogni tanto ricordarsi perché l'ho sposata, così mentre la gente mi guarda pensando se chiamare la neuro io fotografo e torno a casa tutto soddisfatto, metto la foto sul pc e....il cartello con l'orario è stato tolto, ce ne sono rimasti due con altri avvisi!

Alla fine tramite facebook riesco a sapere che ci troviamo alle 8:45.
Ovviamente alle 8:30 io e Lorenzo, con moglie e Marzia ad accompagnarci, eravamo già li, primi in assoluto, visto che una mamma con un amico di Lorenzo è stata superata al grido "sbrighiamoci è tardiiiiiii!!!!"

Arriviamo e raccogliamo un sacco di castagne, finché Lorenzo, per distinguersi dalla massa, chiede una salvietta umidificata.
"A che ti serve?" Gli chiedo.
"A pulire le castagne prima di metterle nella bosrsina" mi risponde.
Già,che scemo che sono..

Ogni castagna viene accuratamente pulita e lucidata prima di essere messa nella borsa, mentre gli altri raccoglievano 10 castagne noi ne raccoglievamo una.

Ma è ora di mangiare, prima andiamo a fare la pipì dai...ma i bagni sono chiusi.
Facciamo pipì ad un albero, ma dopo mangiato Lorenzo ha un altro bisogno: "Mi scappa la cacca!"
Eccheccazz....
"Babbo sbrigati che me la faccio addosso!"

Andiamo in mezzo agli alberi, non sapendo come fare lo metto seduto su una mia gamba in modo che la cacchina cada a terra senza prendermi, lui la fa, e poi mi dice di aspettare, e mentre una sensazione di caldo mi invade la coscia il Lory mi dice allegramente "Già che c'ero ho fatto anche la pipì"

Ma alla fine il divertimento e il bottino raccolto valgono una pisciata su una gamba:

giovedì 18 ottobre 2012

Nightmare, finzione o realtà?

E' ciò che mi sono chiesto stanotte, ma raccontiamo brevemente i fatti.

Ore 2:43, Lorenzo mugola, mugugna, grugnisce, poi mi chiama
"Babbo posso alzarmi?"
"E' piena notte Lore, dormi! Hai avuto un incubo?"
"Si....e mi sento una spina piantata nel piede e mi fa male"

Mi alzo, gli guardo il piedino e......
ha una spina davvero!!!

Sarà mica stato lui??

lunedì 15 ottobre 2012

Un pomeriggio al cinema

Stavolta tocca a me portare Lorenzo al cinema, le due volte precedenti c'è andata moglie.

Il film è Paranorman, in 3D, "Lorenzo non è che hai paura?"
Lui: "No"
Io: "Ma ci sono gli zombie, lo sai cosa sono?"
Lui: "No..."
Moglie: "Al limite se ha paura venite via prima della fine del film...dai che fate tardi, su muoviti sbrigati forza che non trovate più i posti e dai su è tardissimooooooooo!!!"

Il film è alle 16, arriviamo li alle 15:32, non c'è un cane,paghiamo le 21 euro (21 euri!!!!!) per due biglietti, forse rivestiti d'oro, un sacchetto di pop corn e un estathè e dico al Lory che anche se crepa di paura non si viene via prima della fine,con quel che ho pagato.

Dobbiamo andare in bagno, moglie ha talmente messo fretta al Lory che non gli ha dato tempo di fare la pipì.
Ci sediamo, dopo la quarta volta che Lorenzo chiede "ma quando comincia?" inizia ad arrivare la gente, dopo la decima inizia il film.

Passano 10 minuti e il Lory vuole togliersi gli occhiali 3D perché dice che gli danno fastidio, "visto quanto li ho pagati li tieni e soffri in silenzio!" gli rispondo, ma li toglie lo stesso, e io mi chiedo cosa veda..

Ne passano altri 10 e dalle manine del Lory si accende una intensa luce verde.
Mi sono dimenticato che si è portato dietro lo scettro di Halloween con la zucca!
"Lore spegni quella caz...cavolo di luce!"
Lorenzo armeggia...
"Spegnilaaa!!"
Lorenzo: "Ma è buio, almeno così ci si vede!"
Io: "Spegnila porca puzzola!!"
La spegne.

Passano 5 minuti, la luce verde si riaccende!
"Lorenzo spegnila!!!!"
Lore: "Non l'ho fatto apposta, s'è accesa da se!"
"Spegnila prima che la spenga io, per sempre!"
Lore "Non mi riesce!"
"Daiii!"
Lore: "non si spegne più!"
Alla fine ce la fa, intanto finisce il primo tempo, Lorenzo si alza e sta per andarsene.
"Dove vai?"
Lui: "E' finito non lo vedi?"
"E' rimasta una scena a metà, è finito il primo tempo"
Lui: "Ah, pensavo che finisse così"

Nel frattempo orde di zombie terrorizzano gli abitanti della cittadini, fino a scoprirsi buoni, e il film finisce bene,anche se Lorenzo ci ha capito poco (o niente).

Usciamo, "Ti è piaciuto il film Lorenzo?"
"Si" (risposta standard)
"Ti hanno fatto paura tutti quegli zombie?" chiedo
"Cosa sono gli zombie babbo?"


domenica 7 ottobre 2012

Metodo infallibile?

Lorenzo non riconosce la destra dalla sinistra.
Nemmeno sua mamma e suo nonno (materno) se è per questo, forse se lo tramandano di generazione in generazione.

Particolarmente tragico è quando guido e moglie o suocero mi indicano di girare a sinistra con la mano dicendomi "gira a destra", rischiando qualche incidente e guadagnandoci qualche impropero.

Ma veniamo a noi.

Io: Lorenzo c'è un metodo infallibile per distinguere la destra dalla sinistra.
Lory: Quale?
Io: La destra è la mano con cui mangi
Lory: Ah...
Io: Quindi qual'è la destra?
Lory: Che ne so, non sto mica mangiando! E non ho neanche fame...


domenica 23 settembre 2012

E questa?

Follonica, sabato pomeriggio, ora di merenda.

Lorenzo, messo a scelta tra hot dog, gelato e crepe sceglie il primo, con le patatine fritte.

Lorenzo dice di volere il ketchup sia dentro l'hot dog sia con le patatine.

Ci sediamo tutti tranquilli, pregustandoci la merenda.

Lorenzo addenta il panino mentre moglie prende il cartoccio contenente le patatine.

Lorenzo,alzando la voce: "Mamma dammi un po una patatina fritta prima che m'incazzi!!"

La sua prima parolaccia, che emozione...

martedì 18 settembre 2012

Prima lezione di judo!!

Oggi è in programma la prima lezione di judo, Lorenzo è entusiasta ed impaziente.

Manca mezz'ora all'inizio, bisogna prepararsi.

Lorenzo: "Non ci voglio mica andare..."
Io: "Perché??"
Lorenzo: "Perché non mi piace!"
Io: "Ma fino a un attimo fa....ma avevi detto che ti piaceva e che volevi provare..."
Lorenzo: "Non mi piace! Anzi, ci vado quando sono più grande, quando sono grande come te"
Io: "Tra 35 anni quindi...andiamo dai!"
Cadono le prime lacrimucce.
Lorenzo: "Andiamo a guardare e basta!"
Io: "Abbiamo guardato l'altra volta, oggi prova..."
Lorenzo: "Ueeeeeeeeeeeee!!! Solo se prova anche mamma"

Alè..

Io: "Provi, se non ti piace me lo dici e si va via ok?"
Lorenzo: "Anche dopo un minuto?"
Io: "....si....anche dopo un minuto..."
Lorenzo: "Porto anche il cane di stoffa, quello che se fischi abbaia"
Io: "Ma anche no! Figuriamoci se si va li col cane di peluche che pesa 15 kg!!"

Partiamo, con una mano tengo la manina di Lorenzo e con l'altra il cane di peluche, arriviamo ovviamente tardi, entriamo e Lorenzo fa il suo ingresso sul tappeto.

I bambini vengono fatti correre in cerchio, un po sulla riga rossa e un po su quella bianca, al terzo giro il Lory passa e mi dice "Mi garrrrrrba!!".
E io felicissimo.

Fanno salti e capriole per una ventina di minuti, poi fanno mettere i bambini in coppia e provano un po di prese, finite quelle Lorenzo si avvicina alla porta, mi guarda, "Babbo si va via?"
Io: "Perché? Non ti piace?"
Lory: "Si mi piace ma in questo momento mi sto un po annoiando..."
Io: "Se si va via però non si torna più"
Lory: "Perché??"
Io: "Perché no, se segui tutta la lezione come i bimbi normali bene, sennò fine"
Lory: "Va bene,allora rimango"

L'allenamento continua, le prese sono finite e si procede con le capriole sul tappeto, insegnano a cadere attaccati ad una grossa palla, lui si diverte, poi c'è il gioco dei cerchi,quello che corrono e al fischio devono fermarsi in un cerchio, ma ce ne sono in numero inferiore di un'unità rispetto ai bambini,così uno rimane fuori e viene eliminato, lui arriva a metà gioco.

Finita la lezione, Lorenzo entusiasta chiede quando tocca la prossima lezione, vorrebbe già il kimono con la cintura!

A parte quei 10 minuti in cui in coppia provavano le mosse di judo ("in quel momento un pochino mi sono annoiato"),per il resto si è divertito un mondo, probabilmente spera che quei 10 minuti la prossima volta li saltino...
Ha capito tutto.


lunedì 17 settembre 2012

Campioncino a rotelle

Domani Lorenzo inizia il corso di judo, data la sua sfrenata passione per le arti marziali, che dato il nome pensava che le avesse inventate Marzia.
Ma il nostro campione è bravo in tutto, e vederlo ad esempio esibirsi sui pattini forse verrebbe voglia di indirizzarlo verso questo sport...ma giudicate voi.

Il Lory,visto che la potenza è nulla senza controllo, e lui il controllo non lo ha, o meglio deve perfezionarlo, ha adottato tutte le protezioni che il mercato offre: paraginocchia, paragomiti, parapolsi, paramani, paracadute, e sfortuna volle che la mia tuta intera di pelle da motociclista non gli vada bene,così come il mio casco integrale.

Ecco il piccolo Robocop:


Lorenzo, da vero campioncino in erba,segue attento tutti i consigli della mamma:
piegato in avanti come se avesse l'ernia al disco sfreccia sicuro ad una velocità stratosferica, fatichiamo a stargli dietro, perfino la videocamera non riesce ad immortalare il suo passaggio.
E lui sfreccia veloce e contento, pattina e si spettina, sprizzando gioia da tutti i pori e chiedendo alla mamma di farsi da parte..ehm...
video

L'unico punto del corpo non protetto è il sedere, come ben presto ha modo di accorgersi...

giovedì 13 settembre 2012

Iniziamo a fare sport?

Lorenzo ha raggiunto l'età giusta, 5 anni, per iniziare a fare sport.

Moglie vorrebbe che facesse nuoto, nonostante l'acqua negli occhini gli dia parecchio fastidio,per il calcio è negato, io vorrei che si dedicasse alle arti marziali.

E' indeciso tra judo e karate, quindi dopo una carrellata di video su iu tub di gente che pratica questo sport e stronca dai colpi bulli e delinquenti vari, andiamo a vedere una lezione di karate, che a me piace più del judo.
Lorenzo, piccolo fan di Brus Li,accetta volentieri,mimando un calcio volante diretto al volto di Marzia.

Entriamo ed è in corso la lezione, l'istruttore dice al Lory che può provare se vuole, e lo invita sul tappeto.

Il Lory, uomo duro, saldamente in braccio alla mamma, si rifiuta di scendere, dando poi la colpa a lei di non volerlo far scendere...

Alla fine si convince, mette la testolina all'interno della stanza ma la ritira subito! "Mamma levati le scarpe e vieni anche te!"

Lorenzo non funziona proprio così...

Lui si mette seduto e osserva la lezione.

L'istruttore riprende, alzando la voce, due bambine che parlano e va giù peso con un altro bimbo grasso, dopo un "non sei buono a nulla" e un "fate schifo" abbiamo deciso che non è la palestra che fa per lui, e in quel momento il Lory terrorizzato chiede di andarsene,con ragione.

Oggi proviamo un'altra palestra...

mercoledì 12 settembre 2012

Frammenti di una love story

Asia (4 anni): "Quando sono grande entra un bimbo in pancia e quando esce lo attacco alla tetta"
Lorenzo (5 anni tra pochi mesi): "Prima devo essere grande anch'io così ti metto un semino nella pancia che cresce e diventa un bambino"

Ma si, partiamo dalla fine...

Sono ufficialmente fidanzati ormai, si chiamano "amore".
Asia è stata tutta la settimana scorsa qui, adesso è tornata a Torino e si mancano.

Un bel salto assieme:


Scappiamo???

Teneramente sotto la pioggia,dopo che lei è andata a prenderlo all'uscita dell'asilo:

Con i suoceri:

Bacio in riva al mare:

mercoledì 5 settembre 2012

La prima Barbie non si scorda mai

E le conviene farsela anche durare,con quello che te la fanno pagare!

Siamo alla Coop, Lorenzo vuole un giochino e glielo prendiamo, per fare le cose eque facciamo scegliere qualcosa anche a Marzia.

Lei sceglie una bella barbie! Originale! Quelle che hanno i vestitini,le scarpine, la casina, il fidanzatino, la macchinina, il motorino, i giochini, gli orecchini e tutte quelle cosine che costano come quelle vere.

Ma per i figli si fa questo e altro no?

Per cui una mano sul cuore e l'altra sul portafoglio e si compra la barbie punk, coi capelli fucsia e i pettinino per pettinarla.

Eccola qui:

Marzia adora la sua barbie, la coccola, ci gioca, la accarezza, fa come se fosse sua figlia,la spoglia,la riveste la pettina....tenta di prendere a barbieate i piccioni....

lunedì 3 settembre 2012

Si cominciaaaaaa!!!!

Primo giorno di asilo per entrambi, Marzia ha finito l'inserimento e oggi comincia in maniera ufficiale, Lorenzo  non ha bisogno di inserimenti e inizia regolarmente.

Sono tutto entusiasta, cerco di coinvolgere anche i pargoli già da qualche giorno.
Lorenzo: "Io all'asilo non ci vado!"
Marzia si limita a guardarmi con un'espressione che lascia intendere "ma te sei scemo.."

Ed eccoci al gran giorno!
Ovviamente moglie non c'è, ma non è un problema,penso a tutto io, non abbiamo bisogno di nessuno noi!

Marzia è sveglia dalle 7, inizia a lagnarsi appena moglie esce di casa (7:20) mentre il Lory dorme.
Tengo a fatica Marzia, poi è ora di svegliare Lorenzo: Urli e strilli! "Ho sonno, voglio dormì, non mi alzo! E tanto all'asilo non ci vado! Notte!"

Non mi perdo d'animo, Marzia scappa sotto il letto, almeno non corre pericoli,penso.

Lorenzo alla fine devo mettermelo in spalla e portarlo giù dal letto a castello, mentre scalcia.

Porto Lorenzo dai nonni, abitiamo a 5 metri di distanza, così nel frattempo gli preparano colazione e se ce la fanno lo vestono anche, io rimango con Marzia a prepararmi.

Vado di la dopo 20 minuti, Lorenzo se la dorme sul divano mentre il nonno gli sussurra "Lorenzino dai alzati, per favore...."
Tra 20 minuti deve essere all'asilo.

Tiro su il Lory, lo lavo, lo vesto, dopodiché gli comunico che se vuole mangiare bene, altrimenti va all'asilo digiuno.
Lamentandosi ma mangia, non è mica scemo..

Siamo pronti a tempo di record, tra 2 minuti aprono i cancelli, per fortuna abitiamo vicini.
Il Lory ha un'ultima richiesta: si guarda una mezz'oretta i cartoni??
Intanto aprono i cancelli, lo vedo dalla finestra, così lo prendo in braccio nonostante le sue rimostranze e andiamo, Marzia mi rimane attaccata a una gamba urlante perché me ne vado, Lorenzo è incavolato perché vorrebbe rimanere a casa...ma alla fine usciamo!

Lorenzo adesso è abbastanza tranquillo, faccio 2 parole con le maestre e con gli altri genitori e vengo via, devo sempre portare all'asilo l'altro terremotino.

La preparo, la lavo, la vesto e partiamo, nonostante sia piovuto tutta la notte adesso le nuvole se ne sono quasi andate ed è chiaro.

Scendiamo giù, Marzia non vuole sedersi sul passeggino, ma arrivare al nido camminando è improponibile, così ce la metto con uno stratagemma, non prima di averlo svuotato tutto, moglie mi comunica solo all'ultimo istante che devo lasciarlo all'asilo, e sacchi della spesa, giocattoli, salviettine umidificate, pannolini, carte di merendine etc probabilmente non sono gradite.

Partiamo, dopo 100 metri una goccia, poi due, poi cento, poi mille...diluvia!

Corro come il vento spingendo il passeggino, che per fortuna è cabriolet così posso chiudere il tettuccio, ma io mi bagno come un pulcino (Pio).
Arrivo davanti a un negozio di alimentari, mi fermo a far finta di rimirare la frutta ma non ci casca nessuno, tanto che la commessa, mossa a compassione, mi dice: "se vuole entrare con la bimba venga pure, si sta bagnando tutto..."

Declino, non saranno due gocce d'acqua a fermarmi!
Infatti inizia a diluviare.
Passa una signora con un ombrello più grosso di lei, mi guarda con un' espressione che dice "padre degenere!" e prosegue..
E dammi un passaggio sotto quell'ombrellone strega senza cuore!
Penso di strapparle l'ombrello dalle mani, picchiarglielo nel capo, lasciarla li agonizzante e andarmene (ovviamente con l'ombrello).

Ma sono buono io,così riprendo la mia corsa, facendo vari slalom tra passanti e bancarelle fino ad arrivare all'asilo.

Entro, le maestre mi guardano come per dire "t'hanno fatto un gavettone?".
Faccio finta di nulla,lamentandomi però del tempo avverso.

Marzia a lasciarmi andare non ci pensa neanche, scaccia la maestra con una mano come si farebbe con una mosca, ma alla fine si deve arrendere ed andarle in braccio, anche se faccio una certa resistenza....ehm cioè, lei fa una certa resistenza.
Le cade una lacrimuccia, a me ne cadono 10, fortuna che piove e non si vedono...

Vado a casa sotto diluvio torrenziale, entro in casa bagnato fradicio ed esce il sole, mi sarei stupito del contrario.

sabato 1 settembre 2012

Marzia al nido

No, non come insegnante, va beh che è super intelligente essendo mia figlia, ma a tutto c'è un limite...

Marzia ha iniziato l'inserimento al nido, prima con moglie, poi un quarto d'ora da sola fino ad arrivare, a fine settimana, a due ore.
Moglie ha sentito molto la sua mancanza.

Ieri sono andato a prenderla anch'io, in una giornata in cui avevo il turno di pomeriggio: era tranquillissima e invece di voler andare a casa mi ha preso per mano e mi ha portato dentro a giocare.

Spero che continui sempre così e che non abbia le crisi di pianto che aveva Lorenzo a suo tempo,sarebbe difficile resistere anche stavolta...

Cominciasse a mangiare poi sarebbe il massimo, ma siamo fiduciosi.

domenica 26 agosto 2012

Giornata allo Zoom

Durante le ferie decidiamo di andare una giornata ad un parco di Torino di nome Zoom, diviso in due parti: in una ci sono gli animali da vedere mentre nell'altra c'è una piscina, con la sabbia e gli ombrelloni per ricreare l'ambiente del mare.

Alla famiglia si aggiungono suoceri e cuginetta Zoe.
Siamo in fase di preparazione.

Moglie: hai preso i costumi mamma?
Suocera: per andare in piscina servono i costumi?

Suocera aspetta una risposta ma moglie si rifiuta di fornirgliela, così suocera li prende.

Moglie: hai preso gli asciugamani mamma?
Suocera: anche quelli ci vogliono? Se ne prendo uno piccino in due va bene uguale?
Moglie tace.

Moglie: hai preso le ciabatte mamma?
Suocera: anche le ciabatte ci vogliono?? Che postacci queste piscine!

I suoceri,preparata la borsa (non senza difficoltà) hanno un diverbio col navigatore, noi ci litighiamo in viaggio, loro prima di partire.
Nella colluttazione viene svegliato anche cognato, i suoceri speravano in un sostegno morale ma cognato si schiera apertamente dalla parte del navigatore.

Si parte.
Si arriva.
Moglie prende figlia e si avvia verso l'entrata, io, Lorenzo, suoceri e Zoe ci perdiamo nel parcheggio, neanche il navigatore ribelle ci è d'aiuto...ma alla fine,seguendo il flusso della gente, arriviamo.

Dopo tre quarti d'ora di fila moglie arriva, arrampicandosi su un paio di persone, alla biglietteria....e si entra!
A Zoe i suoceri hanno portato un cappellino, dato che ci sono una settantina di gradi all'ombra, noi invece siamo più furbi:


La mattina passa guardando animali sotto un sole che spacca i macigni più che le pietre, i bambini sono molto attivi come potete vedere:


Ora di pranzo:


Marzia mi ruba gli occhiali:


E si riparte,ad ognuno il suo ruolo naturale:


Arriviamo alla piscina, ci andiamo a cambiare e a metterci i costumi.
Tornano i suoceri, da lontano notiamo suocero che gesticola animatamente, da vicino capiamo perché: ai piedi porta un paio di ciabattoni verdi coperti, babucce di lana invernali.

Suocero si impossessa delle ciabatte di moglie, che calza invece i suoi sandali di plastica.
I ciabattoni vengono abbandonati a qualche metro di distanza sperando che nessuno faccia l'associazione ciabattoni - noi.

Dopo qualche minuto the green ciabatton's sono di nuovo vicine alle nostre sdraio, quindi abbiamo pensato a due possibilità:
1) sono vive
2) i vicini,temendo quello che temevamo noi, ce le hanno avvicinate a calci.
Il mistero rimane irrisolto.

Entriamo in piscina, Lorenzo a un tizio sovrappeso e pieno di peli: sei talmente peloso che fai piovere!
Vedo che goccioline d'acqua cadono dai peli del tizio vicino a Lorenzo
Io: Lorenzo a chi dici??
Lory: a quel ciccione li!
Mi dileguo...

Dopo un bel bagno è l'ora della doccia, io e suocera portiamo i pargoli alle docce, li laviamo e ci laviamo noi.
Quando usciamo vediamo le frecce, uomini a destra e donne a sinistra.
Eravamo tutti nelle docce delle donne, mi avranno preso per un maniaco sessuale...

mercoledì 8 agosto 2012

E' solo colpa mia

Siamo in vacanza in montagna,ci sono un po di nuvoloni neri ma io e moglie decidiamo lo stesso di recarci in un paesino vicino al nostro per portare i pargoli a giocare.

Ci fermiamo con la macchinaa 500 metri circa dal parco giochi,moglie espertissima montanara sentenzia: "andate pure a giocare te e Lorenzo, Marzia dorme,lasciamola dormire...tanto non dovrebbe piovere a breve. Se sentite un tuono magari venite via...ma non c'è da preoccuparsi.


Io e il Lory andiamo ma appena arrivati al parco giochi sentiamo un rumore assordante
Deve esserci un fiumiciattolo quì vicino, penso.

Guardo in lontananza, c'è la montagna verde e....vedo che sta venendo giù il finimondo!

Lorenzo corriiiiiiiiiii!!!!!!!!!

Il Lory li per li non capisce ma poi iniziamo a correre, con lui che dice "piovono sassi di ghiaccio!" tutto divertito.

Per fortuna li vicino ci sono molti alberi, quindi ci rifugiamo li sotto in attesa che la sgrandinata passi, fondamentalmente gli alberi attutiscono la grandine, in fondo il tutto dovrebbe durare pochi minuti.

Suona il cellulare, è moglie: "Dove siete?"
Io: "Alle Bahamas, sdraiati al sole con un cocktail in mano e un paio di figone che ci sventolano con una palma..."
Moglie: "Non sarete mica sotto gli alberi vero????"
Io: "si per fortuna, ci stiamo riparando"
Moglie: "Ma è pericolosissimooooooooooo!!!! Potrebbe cadere un fulmine, la grandine potrebbe abbattere l'albero, potrebbe venire giù anche qualche slavina (!?!?), venite subito viaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!"

Senza pensare (sic) prendo in braccio Lorenzo e comincio a correre a più non posso, lui si prende subito un pezzo di grandine in testa e piange, io mi sento mancare, siamo fradicissimi...arriviamo alla macchina in condizioni pietose.
Entriamo e....la tempesta se ne va, così come è arrivata.

Non mi incavolo nemmeno, è solo colpa mia....

giovedì 2 agosto 2012

Al Cavallino Matto

Stamani partenza per il Cavallino matto, moglie: "con cosa andiamo?"
Io: "nave, aereo, taxi, treno, teletrasporto....fai te..."
Moglie: "in macchina?"
Io: "che??? l'ho lavata ieri!!!! figuriamoci!"
Saliamo tutti in macchina e partiamo

Per perdere tempo, dato che per arrivare ci vuole mezz'ora ma prima di un'ora non aprono, ci fermiamo a fare compere (moglie e la sua mania di partire all'alba)

Saliamo sulle barche dei pirati, quelle dove si può sparare a chi ti precede o ti segue, Lory guarda come si fa a sparare:

C'è una leva da tirare, ma la tiro mentre il Lory si avvicina e lo centro sul mento...
Urli e strilli, ma appena vede che si diverte comincia a sparare acqua.

I giochi si susseguono, ci divertiamo tutti ma ovviamente chi si diverte di più è sempre lei:

video

moglie!!

Non contenta moglie porta Lorenzo sulle macchinine, quelle dove insegnargli il codice della strada.
Risultato: bambino fermo al semaforo rosso tamponato inesorabilmente, quasi sbalzato dall'auto, Lorenzo disperato e moglie sghignazzante ma con aria che esprime la frase "è colpa sua!"

Una donna che insegna a guidare...stendiamo un velo pietoso...anzi proponiamo un'intervista:
video

Finalmente un professionista insegna a Lorenzo a guidare:
Il nostro eroe alla guida è diventato una tigre:
Per truccarlo 5 euro, se vuole che gli facciamo la foto sono altre 6 euro...direi che la foto gliela faccio da me!

Canoe:

Safari:


Un po di riposo per tutti:


E la ciccina??
Si è divertita anche lei:

Fine della giornata, siamo esausti, ma ne è valsa la pena...

martedì 31 luglio 2012