mercoledì 30 maggio 2012

Progressi (?)

I ciccini crescono e progrediscono.

Marzia sta coltivando una vera e propria passione per la telefonia, come vedete:
video

E Lorenzo? Eccolo:
video

E' diventato logorroico!
Come sua mamma!
Non lo sopporto più!
sic...

giovedì 24 maggio 2012

Primo giorno di mare 2012

Un alba di sabato mattina, moglie è già tutta pimpante: "Su alzati marito, bisogna pulire e mettere in ordine tutta la casa" cinguetta.
"Ma vaff...."
"Eh???" dice una confusa moglie.

Non ce la posso fare, penso.
Combattuto sul sopprimerla fisicamente, ignorarla e metterla una scopa in mano e dirle comincia che ti raggiungo mi viene un'idea: "Si va al mare??"

Se dice si mi guadagno un altro po di sonno...

Riflette....
poi: "Si!!!!! Dai alzati che ci prepariamo, non vorrai arrivare li a mezzogiorno!!! Su su! Vai a buttare giù dal letto figlio!""

Ma porca puzzola...

Ci alziamo, a mo di zombie, ci prepariamo.
Inizia ad albeggiare.

Moglie: "Cosa ci mettiamo addosso?"
Io: "Che ne pensi del cappotto?"
Moglie: "Intendevo, ci mettiamo il costume?"
Io: " E che vuoi metterti per andare al mare?"
Moglie: "non capisci niente"
Io: "Ricordati l'ombrello"
Moglie: "scemo!"

Siamo pronti,partiamo, arriviamo in spiaggia, uno stormo di pipistrelli ci saluta prima di andare a dormire.

C'è il bagnino, gli dico che ho l'ombrellone numero 24 e gli chiedo dove mettermi dato che, ovviamente, non c'è nessuno, eccetto un ghiro.

"Mettetevi dove vi pare,tanto non c'è nessuno...magari li no, li nemmeno...e li neanche, mettetevi li!"
Idee chiare..

Moglie, imbacuccata fino alla punta dei capelli,controlla le condizioni atmosferiche e teme di aver esagerato nell'abbigliamento:

"Abbiamo sbagliato, dovevamo metterci il costume..." recrimina

Abbiamo? Parla per te!
Muahahahahaha

"Ok dai andiamo" tuona moglie.
"Ma siamo arrivati ora!"
"Quando al mare ci siamo stati 10 minuti, quanto vuoi starci ancora??"
"Lorenzo sparale!"

"Mentre lui mi spara tu corri" dice sogghignando moglie
"Corro? Che sei rincretinita?"
"Facciamo così,guarda Marzia che sta allegramente zampettando verso l'acqua e poi decidi tu cosa fare"
Con uno scatto da centometrista la placco un attimo prima del bagno

Giochiamo un po


Moglie controlla la situazione, cellulare alla mano come al solito, mentre aggiorna il suo status facebook

Mattinata di mare finita, si torna a casa.
Pulizia e riordino casa mi sono toccati il pomeriggio, tanto valeva...

giovedì 17 maggio 2012

Una furbizia degna di sua mamma

Io e Lorenzo che giochiamo a nascondino.

Dove può nascondersi una persona....

video

...se non dietro una porta a vetri??

martedì 15 maggio 2012

Lo schiaccianoci

No, questo blog non è musicalmente acculturato per parlare di balletti e teatro, l'argomento è un altro.

Moglie ha comprato la bici, doveva solo montarci il sellino nuovo.

"Portalo a casa che in stazione te lo fregano" le dico
"Quando aprirai bocca per dire qualcosa di intelligente sarà sempre troppo tardi" mi risponde.

Il sellino nuovo è stato rubato il giorno dopo.
Moglie ne ha comprato un altro, ma necessita di attrezzi per il montaggio.

"Hai una chiave da 13?" mi sorprende moglie una mattina
"Si, basta che me la riporti, sai quanto ci tengo ai miei attrezzi" le rispondo
"Certo, quando mai ho perso qualcosa" mi ribatte una sorpresa moglie.

Soprassiedo, è meglio.

E infatti, la chiave da 13 è durata meno del sellino, visto che 'ha persa il primo giorno.

Il problema è che non si trova più neanche lo schiaccianoci.

"Moglie hai visto lo schiaccianoci?"
Silenzio
"Moglie?"
"Ehm....sai che ho perso la chiave da 13 vero?"

No, non dirmi che usi lo schiaccianoci per stringere e svitare un bullone, non dirmelo perché non lo voglio nemmeno sentire...

"E devi vedere come stringo e allento e stringo e allento, altro che chiave da 13!"

Ecco, l'ha detto...

sabato 12 maggio 2012

Il nostro quinto anniversario di matrimonio

Cara moglie,oggi è il quinto anniversario di un giorno per me importante, ricordo infatti il 12 maggio del 2007, il Livorno espugnava il campo della Sampdoria (0-1) e si lanciava deciso verso la zona Uefa.

Ma è successa anche un'altra cosa degna di nota.

Ricordo quando l'ho annunciato,qualche mese prima, al mio migliore amico, single convinto, che mi ha guardato con un espressione che lasciava intendere "ma che sei rincretinito?" Ma poi mi ha abbracciato, consolandomi e dicendomi che prima o poi tocca a tutti, o quasi.

Ricordo quando,sempre qualche mese prima, mi hai obbligato ad andare a scegliere il vestito insieme a te, io non volevo, volevo che tu mi facessi una sorpresa, ma sei stata irremovibile: siamo andati, io te e tua cugina,in centro a Torino, sulla porta del negozio hai cambiato idea e mi hai lasciato li fuori come uno stoccafisso per 2 ore, ma prima mi hai detto "c'è un mercato qui in zona, gira a destra, a sinistra, a destra e poi a destra e ancora a sinistra e lo trovi...prima o poi..forse..." Neanche con un cane da tartufi l'avrei trovato, ma fa nulla.

Ma la mia mente torna a quel giorno, a quel 12 maggio di 5 anni fa.

Mi sono svegliato all'alba, ignaro che fosse il preludio, la costante k che mi avrebbe accompagnato fedele per tutta la nostra vita assieme, dopo peraltro una notte insonne,te ne sei andata, a casa dei vicini, a prepararti.

Sono rimasto li, a casa dei tuoi, c'erano i miei amici, il mio migliore amico, single convinto, mi guardava con espressione che lasciava intendere "sei sicuro? sei sempre in tempo eh..." poi mi ha abbracciato.

Andavo su e giu per il corridoio fino a consumare le piastrelle, tuo padre mi ha chiesto di trasferirmi nell'orto dato che avrebbe dovuto scavare per piantare il prezzemolo e gli sarei quindi tornato utile.

Ricordo che arrivavano i tuoi parenti, che venivano a presentarsi e a congratularsi, con uno strano ghigno stampato in faccia, che diceva chiaramente "mo so cazzi tua".

Sono quindi andato in bagno, ho preso la lametta...no non volevo tagliarmi le vene, ma solo la barba, fatto sta che ho quasi reciso la giugulare, rischiando di morire dissanguato, per questo durante la cerimonia ero un po bianchino..

Sono arrivato in municipio, e poi sei arrivata tu, bella come il sole, sei scesa dalla macchina e ti ho chiesto dove fosse Elena, prima di capire che eri tu.

Siamo entrati, il mio migliore amico, single convinto, mi guardava con un espressione che lasciava intendere "poraccio", e mi ha abbracciato.

Ci siamo giurati sopportazione eterna.

Il mio migliore amico, nonché testimone, single convinto, mi ha guardato con un espressione che lasciava intendere "anche questo è andato...".

Ci siamo scambiati gli anelli, tuo fratello, nonché tuo testimone, in preda alle sue tipiche manie di protagonismo, ha preso la scatola degli anelli, ha preso l'anello,ti ha preso la mano...pensavo che te lo infilasse e che ti baciasse, ma poi mi ha guardato,comprensivo, e ha lasciato fare me.

Siamo usciti, ho pianto, quel dannato chicco di riso mi aveva colpito in pieno una pupilla.

Siamo andati al ristorante, dalla fame che avevo avrei mangiato anche te, ma mi si è chiuso lo stomaco e mi sono limitato a guardare mangiare gli altri.

Mi sono sentito un po in imbarazzo quando un mio amico si è avventurato in elucubrazioni che minacciavano il ristorante di razzismo, prima che capisse che la carne che stava mangiando era albese e non di un albanese.

La giornata poi è finita, ricordo che la sera sotto le coperte ci siamo spogliati, ci siamo tenuti stretti, e poi ricordo che tua mamma, ignara di cosa potessero mai fare due persone la prima notte di nozze, è entrata in camera cercando un cuscino, credo che sia tuttora ignara di quanto ci sia andata vicina a prendere una ciabattata in fronte.

Ricordo che non abbiamo dormito, poi siamo andati all'aeroporto, 6 ore in anticipo, eravamo io, te e un barbone.

Siamo saliti sull'aereo, hai bevuto un succo d'arancia e me lo hai vomitato addosso, ed è iniziata la nostra luna di miele.

Buon anniversario.
Oggi come allora, ti amo.

mercoledì 2 maggio 2012

Mi si è fidanzato il Lory?

Lo scorso finesettimana siamo andati a Torino dai suoceri, al piano di sotto ci abita una famiglia con una bambina poco più piccola di Lorenzo, i due vanno d'accordissimo. Sua mamma ci ha detto che quando all'asilo le chiedono se ha il fidanzatino lei dice di si ma che abita lontano, qualcuno ne metteva anche in dubbio l'esistenza. Ovviamente Lorenzo di avere una fidanzatina ne era all'oscuro. Informato, ha deciso che la cosa si poteva anche fare.. Eccoli in casa, tra un "amore" e un "tesoro" stavano passando il pomeriggio, finchè non è arrivato il padre della bambina: "Li ho beccati sdraiati sul letto, lui sotto e lei sopra, che si davano i bacini! Appena sono entrato lui è schizzato un po più la, lei è rimasta li!" Io ovviamente ridevo. Lui: "Tu ridi perché hai il maschio!!" Ma no,ho anche la femmina, basta che nessuno me la tocchi fino alla mia morte...