lunedì 28 ottobre 2013

La spesa

Il fare la spesa nella nostra famiglia è inteso come prendersi un sabato mattina, recarsi tutti al supermercato e organizzarci così: Lorenzo guida il carrello tentanto di uccidere più persone possibile, Marzia scappa da tutte le parti prendendo ogni oggetto che le capita a tiro e infilandolo nel carrello, io che inseguo entrambi i pargoli cercando di fargli fare meno danni possibili e moglie che fa la spesa incurante di cosa le succede intorno.
Al momento di pagare moglie va a vedere le offerte presenti oltre la cassa mentre io metto la roba sul nastro, pago e la metto nelle borse mentre argino i pargoli.

Dato che la cosa non mi piace affatto, offro a moglie una valida alternativa: moglie semmai vado io a fare la spesa 2 o 3 volte in settimana, così non dobbiamo più recarci al sabato e ti riposi (bisogna sempre far finta di farlo per lei).
Moglie accetta.
Inizia l'avventura.

Dato che moglie scrive come i cani, senza offesa per i nostri simpatici amici a quattro zampe, la lista me la scrive col pc e me la stampa.
Prendo la lista e parto.

Arrivo.

Entro.

Mi si apre un mondo nuovo, alimenti da tutte le parti, per tutti i gusti, di tutti i tipi,strani calcoli matematici tipo 3 X 2 che ti viene da chiamare qualcuno e dire che fa 6 e vedere se si vince qualche cosa, tre o quattro banconi con la commessa in cui bisogna prendere il numerino come alla posta, gente che tocca la frutta, che la annusa, che guarda le scrittine dietro le confezioni (ci ho messo un'ora e un quarto a capire che cazzo guardavano, ovvero la data di scadenza), insomma tutte cose che non avevo mai avuto il tempo di vedere.

Tiro fuori la lista della spesa, viene giù un papiro che mi si svolge fino ai piedi, farebbe prima a scrivermi cosa NON comprare.

Un punto interrogativo mi si stampa in faccia e si amplifica man mano che leggo...
Verdura: cavolo.
Cavolo cavolo....col cavolo che lo trovo....trovato! Ma aspetto, cavolfiore, cavolo verza...boh prendiamone uno.Prendo anche un broccolo, siamo sempre in tema.

Passa mezz'ora e sono sempre al cavolo, una commessa con un'espressione tra il divertito e l'impietosito mi nota, mi si avvicina come si fa con le persone bisognose: "Non trova qualcosa?"
Tu sapessi...
Srotolo il papiro, chiediamole qualcosa a caso, tanto non trovo niente
"La pasta d'acciughe!" questa non la troverei mai
"Non la abbiamo"
Ma porca....aspetta aspetta, allora le chiedo un'altra cosa!
"Lo stracchino!"
"Deve prendere il numerino, mettersi in fila dietro a quel milione di persone accalcate a quel bancone e chiedere alla commessa"
Va beh, in fondo a che le servirà mai lo stracchino, farà senza!

La commessa si allontana, guardo la mia unica fonte di salvezza allontanarsi e il mio cuore perde un battito...ma non demordo!
Patate.
Oddio...patate fritte surgelate? Patate dolci? Patate di Chernobyl? Passiamo oltre,ci si pensa dopo.

Salsicce, hamburgher...ma guarda bellini questi...aspetta fammici leggere, sì, cavolini di Bruxelles, mi ispirano! Presi! Dicevamo, salsicce, hamburgher...salsicce di cinghiale, no costano troppo, ma oggi mi sento vegetariano, si fa senza!
Biscotti per colazione bimbo tipo gocciole ma scure.
Eh, eccole le gocciole, prese!
Frutta.
Qui mi sbizzarrisco, queste susine sembrano proprio buone, prese!

Porro.
Brrr, speriamo non mi vengano mai, figuriamoci se li compro.

Uh, è già l'ora di pranzo, va beh, per il resto ci torno domani, pazienza.

Torno a casa, moglie mi chiede subito com'è andata.
"Bene, guarda quante cosine prelibate ho preso!" esclamo tutto orgoglioso.

Moglie: "O questa....cavolo verza?? Ti avevo scritto cavolfiore!"
"No hai scritto cavolo,guarda....ops....non avevo letto fiore...."
Moglie: "Quel broccolo striminzito? Per fare la pasta ce ne vuole due!"
"Economizza!"

Moglie: "Le gocciole ti avevo detto quelle scure!"
"Ma dai che differenza vuoi che ci sia?"

Moglie: "La pasta d'acciughe?
Questa la so: "Non ce l'avevano!"
Moglie: "Ti avevo detto di prendere le acciughe se non avevano la pasta!"
"Non avevano la pasta non sono stato a leggere cosa c'era scritto accanto, e quanto sei pignola!"

Moglie: "Il porro??!
"Brr, mi fa venire i brividi!"

Moglie: "E le patate?"
"Non hai scritto come le vuoi, fritte, lesse, dolci, salate...si fa presto a dire patate!!"

Moglie: "Con questi cavolini di Bruxelles che ci faccio?"
"Che ne so, inventa!"

Moglie: "La carne??"
"Da oggi ho deciso che siamo vegetariani!"

Moglie: "Se vuoi pranzare vai a comprare un kebab..."

Indovinate un po' dove siamo andati sabato mattina...




venerdì 25 ottobre 2013

Rappresentante di classe

Serve un rappresentante di classe per la prima elementare dove va Lorenzo.

Moglie, nel pieno delle sue manie di protagonismo, vuole assolutamente candidarsi, solo che il giorno delle elezioni è a Torino.

"Marito organizza la mia campagna elettorale e candidami!" dice moglie, anche se non ha molta fiducia sull'efficacia dei miei mezzi comunicativi.

Finiscono le elezioni, chiamo moglie:

"Moglie sei stata eletta a furor di popolo! Tutto merito mio ovviamente"

Lei: "Grande! Bravo marito! Con chi ho dovuto combattere, cioè, oltre me chi si è candidato??"

"Nessuno....."

"Ah....e cosa devo fare in qualità di rappresentante di classe?"

"Lo hanno spiegato ma non ci ho capito granché, tanto è un problema tuo, che me frega.."

"Ma il mio numero di telefono lo hai lasciato?"

"No, nessuno me l'ha chiesto...erano talmente felici che ci fosse una martire che non hanno nemmeno chiesto di chi eri la mamma"


mercoledì 23 ottobre 2013

Il bello della diretta

Moglie è a Torino per problemi familiari.

Mi telefona, poco fa:

"Ciao amore, come va?"

Io: "Bene bene, te? dove sei?"

Lei: "Sto uscendo da un negoz..."

PEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Che è questa sirena? Mi chiedo. Poi sento moglie al telefono, che parla a terze persone:

"Le assicuro che l'ho pagato, forse non mi avete tolto l'etichetta!!"

CLICK!

Chissà se me l'hanno arrestata...



lunedì 21 ottobre 2013

L'ipotesi chiusura fabbriche spiegata a mio figlio di 6 anni

Manifestazione per difendere il lavoro e le fabbriche nella nostra città,a rischio ridimensionamento e chiusura, oggi tocca alle mamme e ai bambini, ma ci sono anche molti babbi.
Noi siamo presenti.
Lorenzo fa domande.

"Babbo che ci si fa qui?"

"Siamo venuti a dire che vogliamo lavorare, che le nostre fabbriche devono continuare a funzionare"

"Perché? Io sono triste quando vai a lavorare e non ci sei"

"Perché se non si lavora non ci danno più i soldini per comprarci tutte le cose, i tuoi giochi, le merendine, le sorpresine..."

"E quindi cosa si fa?"

"Andremmo via dalla nostra città temo"

"Io non voglio andare via!!"

"Nemmeno io Lorenzo, nemmeno io"

"Ma nonno lavora alla Coop?"

"No Lore, ci va solo tutte le mattine a fare a spesa"

"Perché hanno tutti i fischietti e fanno rumore?"

"Per farsi sentire"

"Perché la gente ci batte le mani mentre si passa?"

"Perché il futuro siete voi..."

"E se si sta tutti insieme ci ascoltano?"

"Non lo so Lorenzo, sicuramente se non siamo uniti non ci ascoltano"

"Ma poi non possiamo più neanche comprare il mangiare alla tartaruga??"

Sorrido

Lui riprende:
"Io non voglio andare via da qui, stiamo tutti insieme che così ci ascoltano!"

Lo abbraccio.

giovedì 17 ottobre 2013

Sarà la vecchiaia?

Oggi pomeriggio decidiamo di andare a fare una scampagnata a Baratti, in un grandissimo prato davanti al mare.

Portiamo il pallone, in previsione c'è una partita di calcio maschi contro femmine, ovvero io e Lorenzo contro Marzia e moglie.

Arriviamo, costruiamo le porte e la partita ha inizio.

Prima azione: moglie prende palla e avvia una travolgente azione sulla fascia, salta agilmente una zolla, fa una finta a cui abbocca solo lei, supera in dribbling Lorenzo, vede la porta, carica il tiro....
(suspance...)...
il piede impatta con la palla.....
CRACK!
Moglie si accascia al suolo toccandosi il nervo sciatico.
Game over.

mercoledì 9 ottobre 2013

Manutenzione scooter

Visto il ladrocinio totale a cui sono stato sottoposto quando mi rivolgo ai meccanici della mia zona per fare i tagliandi al mio scooter stavolta decido di farmelo da solo.
Tocca al cambio olio.
Acquisto quindi l'olio.
1 kg d'olio: 11 EURO

Ho un Kymko Agility 125, in pratica quello che costa meno sul mercato.

Ho anche trovato un forum dedicato a quel modello, non so se anche chi ci scrive,entrando dal concessionario, ha chiesto lo scooter che costava meno come ho fatto io, fatto sta che si trovano utili consigli e complete guide alla manutenzione fai da te (no alpitour).

Stampo spiegazioni con tanto di foto e mi avvio in garage.

"Svitare tappo serbatoio olio"
Mi munisco di chiave da 17 e svito.
Dopo 3 giri il bullone è quasi sbriciolato e non accenna a ruotare.
E ora?
Secondo me con una chiave chiusa invece di una aperta ci si fa.
Chiave chiusa: 3,50 EURO
Neanche per idea.

Ma io sono l'uomo dalle 1000 soluzioni: compro una pompetta a mano da infilare da sopra, dove si trova l'asta di controllo livello, per aspirare l'olio esausto.
16 EURO.

Mi rimetto all'opera, ma il tubo non entra,anzi notando bene vedo che l'apertura è molto stretta e non ci si passa..

Torno sul forum, "hai provato a svitare con la pinza a scatto?" Mi chiedono
"Prima ammorbidisci il tutto col CRC."

Bene, mi procuro il necessario:
Pinza a scatto: 8,60 EURO
CRC: 6,50 EURO

Il primo consiglio, che mi ero dimenticato, è "munirsi di guanti in lattice"
A costo di affogarci nell'olio non spendo un altro centesimo!
E infatti togliermi l'olio dalle mani,dopo mezz'ora che sfrego, è cosa ancora utopica.

Mezz'ora e vari improperi più tardi l'olio è sostituito.
Sabato mattina andrò a smaltire l'olio esausto, anche se tra me, l'olio e il portafogli non si sa chi sia più esausto...

Mi sa che si torna al ladrocinio.




mercoledì 2 ottobre 2013

Babbo svampito

Prendo Lorenzo per mano, mi metto il suo zaino in spalla e lo porto a scuola.

Aprono il portone.

"Ciao Lore, ci vediamo oggi all'uscita"

"Babbo..."

"Vai Lore che sennò fai tardi"

"Babbo..."

"Lorenzo guarda c'è la tua amica Alice, prendile la manina e entrate su"

"Ma babbo..."

"Lore vai che stanno entrando tutti!"

"Babbooooo!!!"

"Che c'è????"

"Mi dai il mio zaino??"