mercoledì 17 settembre 2014

Monopolino

Pomeriggio di fine estate, famiglia in casa che si riuscisce intorno a un tavolo, ove giace una scatola contenente il Monopoli per bambini, ovvero il Monopolino.

Vengono distribuiti i soldi, 8 euro a testa, si può cominciare.

Tira Lorenzo, rischio, paga 50 centesimi.
Tira moglie, acquista una casupola diroccata da 20 centesimi.
Tiro io, acquisto una catapecchia dallo stesso valore.
Tira Marzia, vince 50 centesimi, ritira e compra un attico.

Tira Lorenzo, finisce sull'attico di Marzia e le deve elargire un bel po di soldi.
Tira moglie, rischio, paga 50 centesimi, ritira e finisce sull'attico di Marzia, le sborsa un po di soldi anche lei.
Tiro io, finisco sull'attico di Marzia, pago.

Marzia non sapendo leggere si dedica solo al lancio del dado e all'amministrazione finanze (le impila in mucchietti di eguale altezza) e deve essere aiutata.

Dopo 10 minuti Lorenzo ha speso circa 6 euro e varie lacrime, moglie ha circa 3 euro, io sui 4 e Marzia sulle 23 euro.

Dopo 20 minuti Lorenzo dichiara bancarotta fraudolenta, moglie ha circa 3 euro e qualche casetta scalcinata, io sulle 4 euro e qualche costruzione su cui non si ferma nessuno e Marzia ha comprato un po tutto il comprabile e si lamenta perché non ha più posto ove impilare monete.

Lorenzo piange, quando io tiro il dado e finisco di nuovo su una proprietà di Marzia e devo sborsare altri contanti sbotto: "Ma guarda te che cu....che curioso questo gioco!!"
Finisce la partita, Lorenzo fallito, moglie ha 2 euro e 50, io 3 e 50 e Marzia 26 euro.
Marzia ci prova, "Ci fa un'attra pattita?"
Tre voci rispondono all'unisono: "NOOOOOO!!!!!!!!!!!!!"


Nessun commento: