giovedì 19 febbraio 2015

Un caso umano

I miei genitori abitano nel nostro stesso condominio.
In genere cerco sempre di non allontanarmi da casa in concomitanza con loro, in modo da non lasciare da sola moglie, specie se con lei ci sono i bambini.

Purtroppo ci sono state volte in cui non ho potuto evitare, le conseguenze non si sono fatte attendere.

Dalla volta in cui è stata un'ora nel parcheggio dell'azienda dove lavoro ad aspettare che le portassi le chiavi di casa altrimenti sarebbe rimasta chiusa fuori tutto il turno alla volta in cui si è tirata la porta alle spalle la sera dopo cena e ha dovuto aspettare sul pianerottolo il rientro a casa dei miei, dalla volta in cui girovagava per la città con figli al seguito in attesa del mio rientro alla volta in cui ha chiamato i pompieri che con una lastra di plexiglass le hanno aperto la porta blindata.

Insomma, chiudersi fuori casa è una costante.

Oggi ho dovuto accompagnare i miei a Pisa.
Al nostro ritorno moglie e figli ci attendevano pazientemente sullo zerbino di fronte alla porta di casa, rigorosamente chiusa.
Non ci si fa.

sabato 14 febbraio 2015

San Valentino è...

Oggi è San Valentino, la festa degli innamorati, e io ho deciso di scrivere una lettera al mio grande amore perduto.

"Ciao amore mio,
mi sembra ieri che ti ho vista fuori da un bar, è stato amore a prima vista, in quel momento ho capito che la mia vita senza di te non avrebbe più avuto un senso.

Ti ho conquistata, seppur con fatica, ed abbiamo condiviso la nostra vita per due interi anni.

Ti ho ricoperta di regali, perché ti volevo ancor più bella, e quando andavamo in giro non passavi certo inosservata.

Ti piacevano le scarpe in gomma, e te ne ho regalate tante, dei modelli più belli e raffinati.

Ti piaceva molto viaggiare, assieme abbiamo assaporato le fragranze della Germania, le bellezze della Svizzera, assaporato i cibi della Francia, condiviso momenti unici ed indimenticabili.

Uscivamo spesso in compagnia di altre coppie ben assortite come la nostra,avevamo formato proprio un bel gruppo, tutti assieme, tutti spensierati,senza pensare al futuro,senza pensare al domani.

Poi le nostre strade si sono divise, io avevo gli affari miei e tu ha scelto di continuare la tua vita accanto ad un altro uomo.

Da allora non ci siamo più rivisti.

Sono passati un po di anni ma ti scrivo questa mia per dirti che non ti ho mai dimenticata, e che mi manchi, tanto.





Ti amo, mia dolce Yamaha YZF R6




venerdì 6 febbraio 2015

Malattie e dintorni

Io e il Lory malati.

Dicono che gli uomini facciano un sacco di scene per niente, un piccolo virus e sono ko, si lamentano, e si lamentano..

Io e il Lory siamo le eccezioni che confermano le regola, e lo siamo entrambi, tale padre tale figlio...e in fondo la mela non cade mai lontano dall'albero.

video