giovedì 19 febbraio 2015

Un caso umano

I miei genitori abitano nel nostro stesso condominio.
In genere cerco sempre di non allontanarmi da casa in concomitanza con loro, in modo da non lasciare da sola moglie, specie se con lei ci sono i bambini.

Purtroppo ci sono state volte in cui non ho potuto evitare, le conseguenze non si sono fatte attendere.

Dalla volta in cui è stata un'ora nel parcheggio dell'azienda dove lavoro ad aspettare che le portassi le chiavi di casa altrimenti sarebbe rimasta chiusa fuori tutto il turno alla volta in cui si è tirata la porta alle spalle la sera dopo cena e ha dovuto aspettare sul pianerottolo il rientro a casa dei miei, dalla volta in cui girovagava per la città con figli al seguito in attesa del mio rientro alla volta in cui ha chiamato i pompieri che con una lastra di plexiglass le hanno aperto la porta blindata.

Insomma, chiudersi fuori casa è una costante.

Oggi ho dovuto accompagnare i miei a Pisa.
Al nostro ritorno moglie e figli ci attendevano pazientemente sullo zerbino di fronte alla porta di casa, rigorosamente chiusa.
Non ci si fa.

Nessun commento: