venerdì 12 giugno 2015

Un domani la vedrete diversamente

Oggi decido di portare figlio al mare, la mattina vedere tutti quei bambini festeggiare l'ultimo giorno di scuola, tutti fuorché lui, visibilmente triste perché dovrà stare 3 mesi senza fare la sua attività preferita (andare appunto a scuola) mi ha fatto male.

Ci sono anche 2 amici di figlio, oltre a figlia e amica di figlia.

I 3 bimbi giocano in acqua quando si avvicina una bambina di Milano, in vacanza da sola, che ci chiede se può giocare con loro.
"Certo" rispondiamo noi adulti.
Bambini in coro "No!!"
"Perché??"
Bimbi: "Ma non lo vedete che è femmina??"
"Capita Lore, anche piuttosto spesso.."
"Ma si fa la guerra, le femmine non sanno fare la guerra" risponde amico di figlio numero 1
Gli ricordo che secondo loro non sanno nemmeno giocare a calcio ma che l'ultima femmina che li ha sfidati li ha battuti, due contro una, per 9-1.

"E va bene" rispondono, poi iniziano a confabulare, io sento.

Figlio: "Facciamo la guerra allora, noi 3 contro di lei"
Amico figlio: "Sì, diamole il mitra di Marzia"
Altro amico" Sì, quello che funziona male"
Amico figlio: "Povera Marzia, è suo il mitra, io non le darei niente"
Figlio: "Ma infatti, non deve mica per forza avere un'arma"
Amico figlio: "Scusate tanto eh, ma perché non l'affoghiamo?"
Figlio: "Sì io direi di affogarla"
Altro amico: "Si, affoghiamola vai" dice riflessivo.

"Figlio un domani ti piacerà se una ragazzina verrà a conoscervi, credimi"
Mi guarda come se vedesse un'alieno, poi "Noo, ma che dici...." e se ne va, pronto ad uccidere il memico invasore femmina.

Nessun commento: