martedì 15 settembre 2015

Scuola calcio, il debutto!

Ci siamo!
Oggi è il gran giorno, Lorenzo inizia la scuola calcio, con passione ed entusiasmo.

Arriviamo, stranamente puntuali, lo lascio nello spogliatoio a vestirsi, esce con tutti gli altri bimbi e si dirigono sul campo, dove ad ognuno viene dato un pallone.

Tutti fanno palleggi, lui prende la palla con le mani, la lascia, gli tira un calcio in verticale e cerca di riprenderla con le mani, che a suo modo significa palleggiare...ha estro il ragazzo!

Si provano un po di tiri, sono orgoglioso di lui e del suo modo di avventarsi sul pallone...e mancarlo!
No va beh, scherzavo, lo ha preso, storto ma lo ha preso, lo ha buttato in fallo laterale invece che in porta ma è il gesto tecnico che conta!

Per dimostrare la sua tecnica sopraffina gli ho fatto anche un video, ma ho anche fatto presto a cancellarlo, che se lo rivede mi si deprime...cioè, mi si monta la testa.

Secondo e terzo tiro idem, con altrettanti video girati e subito cancellati.

Si arriva finalmente alle cose serie, la partita!

Il Lory viene scelto per ultimo,ma solo perché essendo un fuoriclasse sanno che porterà alla vittoria la squadra in cui giocherà, ed entrambe le formazioni vogliono dimostrare di saper vincere senza essere avvantaggiate dalla sua presenza.

Il Lory capisce da che parte deve fare gol, già qualcosa, è la prima volta che solca un campo di calcio.

La prima palla che arpiona il nostro campione se la conquista perché un altro bambino inciampa, il nostro eroe scatta in avanti, seminando avversari su avversari, che non lo vedono nemmeno, anzi nemmeno lo guardano, e il Lory ne capisce il motivo, ovvero che la palla gli è stata tolta venti minuti prima.

Fanno un po per uno a stare in porta, Lorenzo si offre, in fondo è li che da il meglio di se, è proprio una passione quella di fare il portiere, non certo perché almeno non si corre e non ci si stanca come, per modestia, fece credere a tutti tempi addietro.

Siamo sempre sullo zero a zero e per sbloccare il risultato ci vuole appunto il Lory in porta, che infatti prende gol dopo qualche millesimo di secondo, ma dopo aver compiuto un miracolo su un tiro ravvicinato.
E' solo sulla ribattuta che viene trafitto....e ucciso!
Il nostro eroe rantola e viene portato fuori campo a bagnarsi la testina, colpita involontariamente da un'attacante avversario, un colpo che avrebbe stordito un toro.
Ma lui no, lui si riprende subito e, stoico, torna in campo, perché anche se menomato non può abbandonare i suoi compagni in difficoltà!

Esce però dalla porta, ora si piazza nel ruolo di....anima in pena probabilmente, sceglie tutti i posti sbagliati dove mettersi nelle varie situazioni, ma perché nei posti giusti sarebbe troppo facile.

"Lore è calcio d'angolo per voi, vai in area, che ci fai laggiù?? Lore stai vicino all'attaccante avversario che hanno la palla gli altri e li ci sei solo te, non andare avanti!" vorrei dirgli, ma non posso.
Il Lory, talento incompreso, da verio genio del pallone non ha una posizione, va lasciato giocare come più predilige, un suo guizzo potrebbe risolvere la partita, cioè diminuire l'abissale svantaggio, accumulato in quei due secondi in cui lui stava morendo fuori dal campo.

Triplice fischio finale, la squadra di Lorenzo perde ignobilmente, i due palloni che ha toccato e passato agli avversari non sono stati decisivi, il suo estro, e pure il suo inistro, non si sono visti molto, ma avrà tempo per recuperare, sempre che decida di non donare la sua genialità sportiva ai pensionati che fanno tornei di bocce.

Ai posteri l'ardua sentenza.
Ecco una foto paparazzata del nostro campione:

















mercoledì 9 settembre 2015

C'era una volta un povero sciacquone

E' un nefasto pomeriggio di fine agosto quando moglie, dopo aver espletato un suo bisogno fisiologico, se la prende col nostro povero sciacquone, reo di non funzionare.

"Non funziona marito", SBANG, cazzotto con la sua dolce manina.
Vai così funziona meglio, penso..
Dopo una scarica di legnate degna di Tyson lo sciacquone riprende a funzionare.
"Vedi?"

Ma dopo un po smette di nuovo, così ne do uno anch'io, di cazzottini.
Rotto definitivamente.
"Bravo. Neanche i cazzotti allo sciacquone sai dare".

Moglie chiama l'idraulico, che lo smonta e lo aggiusta, ma ci dice che ci sono pezzi da cambiare.
"Moglie togliti dalla schiena di quel pover'omo, fallo lavorà, su" le dico.
"Guardo come si fa, così la prossima volta lo faccio da me, se lo fate voi omini lo posso fa anch'io"

Infatti dopo qualche giorno lo sciacquone smette di nuovo di funzionare.
Poi rifunziona, ma se lo tiri fuoriesce l'acqua e allaga tutto il bagno.
Moglie per dimostrarmelo lo allaga tre volte, vaneggiando di fiducia o robe simili.
Ma stavolta sa cosa fare
"Piede di porco!" mi urla!
"Testa di cazzo" le rispondo.
"No, passami il piede di porco!"
"Che sei rincretinita?"
"Forse basta un cacciavite in effetti" ammette moglie.

E' passata una settimana e questo è ciò che è rimasto dello sciacquone.
"Visto? Non allaga più!"

"Richiamo l'idraulico?" chiede moglie
No vai si va avanti col secchio...