lunedì 22 maggio 2017

Un pescatore nato!

Domenica, ci sono varie iniziative sparse per la mia città, tutte ottime.

Una prevede, in riva al porticciolo, una prova di pesca da riva con canna fissa, nella quale figli si cimentano subito.


Un pescatore offre a moglie un bicchieri pieno di vermi vivi, certo di farle cosa gradita, ma moglie afferma sicura che col verme morto e ormai putrido che è attaccato all'amo si pesca meglio..

Ci sono miliardi di canne da pesca, grappoli di bambini popolano la banchina ma sappiamo bene che la classe è classe, la classe non è acqua, infatti dopo pochi minuti il galleggiante di figlio sparisce sul fondo, la sua canna si piega su se stessa fino quasi a spezzarsi.

Gli altri pescatori ammutoliscono, tutti trattengono il fiato, mentre lui impiega tutte le sue forze per cercare di tirare su quel bestione che sta lottando sul fondo del mare.

Sono lunghi minuti in cui la tensione si potrebbe tagliare col coltello, finalmente figlio, stremato, con uno sforzo riesce a vincere la resistenza del pescione, che viene tirato su dal mare.

Arrivato sulla banchina tutti gli esperti pescatori dicono la sua sul tipo di pesce eroicamente pescato da figlio: "E' un capodoglio" "No è una balenottera azzurra!!" "Ma che dite, è uno squalo bianco!"

Ecco comunque figlio immortalato con l'enorme preda:


La cena è assicurata!

Ora il problema è riuscire a trasportarlo a casa.

Dato che a chiunque provava a pescare veniva regalata la canna, decidiamo di trasportare il mostro marino a mano, moglie viene offerta volontaria tramite votazione unanime, così, non senza sfiancanti sforzi, riesce a passare nella zona blu in mezzo a centinaia di persone con la canna e il pescione attaccato:


Per tutta l'estate sapremo cosa mangiare!

lunedì 8 maggio 2017

Però era partita bene..

Lunedì mattina, è il patrono della nostra cittadina, quindi niente scuola, ma forse è proprio una forza celeste che fa uscire dalla bocca di figlia le seguenti parole: "Faccio i compiti".

Dopodiché mi guarda: "Babbo perché piangi"
Io: "Emozione figlia..aspetta che ti faccio un video, ripeti quello che hai detto ti prego!", mentre copiose lacrime mi offuscano la vista.

"Ora non ci allarghiamo, non ti darò mai questa soddisfazione", è pressappoco quello che mi risponde figlia.

Figlia prende il quaderno e comincia a scrivere.
Fammi vedere che fa, penso, e mi avvicino.

E mi appare questo:


"Che so sti sgorbi figlia? Un'elettroencefalogramma??"
"No sciocchino, è una lettera dell'alfabeto, la dovevo scrivere tante volte" mi risponde
"E che lettera è?"
"Ehm....boh....Comunque ho finito! Che si fa?"


venerdì 17 marzo 2017

Virussss

E' un nefasto lunedì di metà marzo, sfiga vuole che oggi ci sia l'ultimo spettacolo teatrale di una serie di 4 di cui moglie si è impegnata a portare figli facendo anche relativo abbonamento, sfiga vuole che moglie abbia un'impegno.
Vado io.

Mini figlia in platea non ci vuole andare perché basta che un bimbo alto mezzo metro le si piazzi sul seggiolino davanti e lei non ci vede più, figlio protesta perché vuole invece stare in platea dove sono i suoi amici, così spedisco figlio giù e io e figlia andiamo su.

Ci piazziamo in modo di non avere nessuno davanti, ci sono un sacco di spazi, vuoti, si spengono le luci, arrivano bimbo con relativa mamma che si piazza esattamente davanti a Marzia.
"Vieni Marzia ci si sposta" le dico.
La mamma accenna a qualche scusa che mi rifiuto pure di ascoltare.

Passano 15 minuti, figlia: "Babbo mi fa male il pancino"
Visto che l'ultima volta che le faceva male il pancino siamo andati al pronto soccorso con lei piegata in due, l'infermiera incazzosa perché non le avevo dato un'antidolorifico perché i bimbi non vanno fatti soffrire e dopo una pisciata nel bagno dell'ospedale è stata subito bene le propongo di andare in bagno.
Accetta.
Ci si alza.
"Babbo mi viene da vomitare"
Cazzo!
"Ce la fai ad arrivare in bagno??"
"No..."
"Allora vomita su quella signora che ti è venuta davanti prima, una bella svomitazzata sulla nuca"
"Quale babbo?"
"Quella li!"
"No forse arrivo in bagno..."
"Uffa"

Si arriva in bagno, si entra in quello dei maschi, Marzia produce una roba abominevole nella turca, per terra e sulle scarpe (mie), prendo le tovagliette e cerco di pulire, lo sciacquone non funziona, ovviamente in quel momento c'è una diffusa e improvvisa esigenza di svuotare la vescica da parte di mezzo teatro.
Nel frattempo figlia in versione protagonista del film L'Esorcista continua imperterrita a produrre roba verde-marroncina.
"Occupato, occupato, occupato, occupato maremma puzzolente!! Ci tieni a entrà?? Oh entra via! Guarda ganzo!! Ecco bravo torna indietro, se ti dico non entrare fidati no!"

Prendo Marzia e usciamo, avverto i gestori del cinema che qualcuno è stato male e ha vomitato, probabilmente un'elefante a giudicare dalla quantità, e scappo.
Porto figlia a casa e torno a recuperare figlio.
Arrivo a teatro, aspetto fuori, finalmente escono, scorgo la mamma che mi si era parata davanti, mi viene da vomitare, quasi quasi...
Prendo figlio e corro a casa, vomito anch'io.
Cavolo, virus in contemporanea!

Figlio non ha fame, dopo mezz'ora esclama: "Mi fa male la pancia"
No anche te!
Figlio va in bagno e vomita pure lui!
Si scansa un'attimo prima che arrivi figlia e gli caghi addosso a spruzzo.
"Levatevi che tocca a me!" Urlo entrando in bagno.

Figlio mugugna, si contorce, ulula, rantola, agonizza...figlia sta ferma sul divano, ogni tanto si alza, va in bagno, vomita, si lava la bocca e torna a sdraiarsi, la differenza tra maschi e femmine inizia già da piccini.
Io ho già un piede nella fossa.
La nostra nottata procede così..


giovedì 9 marzo 2017

Marzia, effetto malattia

Marzia appena alzata stamattina: "MI fa male il pancino, non ho fame"
"Resta a casa per stamani, vediamo se ti passa"
Lei: "no vado a scuola"
Ma che fai come Lorenzo che è in lutto quando arrivano le vacanze?? Stai a casa e basta.

Povera ciccina, sta male, stamani me la coccolo tutta. Mi metto 10 minuti al pc e sono tutto su..
"Babbo! babbo! babbo! babbo! babbo! babbo! babbo!"
Che è, Sheldon di Big Bang Theory????

"Aspetta un attimino ciccina, faccio una cosina al pc, 10 minuti, fammi sparà a questi due carri armatini e sono tutto tu...."

ZZZZZZZZZ

"Cavolo fai Cicci?" Le chiedo?
Lei: "Pattino!"
Io: "In casa?"
Lei: "Dove ti pare che sia??"
Già, domanda scema..

Si mette a fare il giro del tavolo, ad ogni giro urta la mia sedia, ergo la mia testa ha un oscillazione di 10 cm ogni 20 secondi, 5 cm avanti e 5 indietro.

"Marzia basta" le dico.
Ma Marzia si distrae dalle mie parole e pattinando mi centra in piena nuca con una mega gomitata che mi ricorda quella di Tassotti a Luis Enrique in Italia-Spagna a Usa 94.

Stramazzo al suolo, appena mi riprendo la ciccina mi salta addosso, tablet munita, intimandomi di scaricarle un gioco.
Mi sbatte il tablet a mezzo cm dalla faccia, non avendo al momento gli occhiali causa rinuncia a stare al pc anche per 10 minuti, e mi fa: "Babbo scaricami questo gioco dei barbapapà! Clicco qui? O clicco li? Dovrebbe essere questo qui col numerino.
"Clicca cosa ti pare....no quello col numerino no! Il numerino corrisponde ai soldi che devo pagare se compri quel troiaio!!"
Ma è tardi, per fortuna intervengo prima dell'avvenuto pagamento..

"Si gioca a nascondino" mi propone.
Si va, almeno mi nascondo e mi rilasso finché non mi trova.
"Anzi no, nascondimi una cosa, poi mi disegni una mappa del tesoro della casa e io devo trovarla. Poi tocca a me".
Nascondo un pupazzino, prendo un foglio e faccio la mappa.
"Mentre leggi la mappa e cerchi il tesoro vado in bagno cicci" le dico.
"Che bagno, un ci capisco nulla, non sai neanche disegnare sciocchino! Vienimi dietro e spiegamela!"
"Ora espleto un bisogno fisiologico..."
"Eh??"
"Ciao!!"
"Ah, hai finito? O quanto ci stai?? Ci sono i pinguini di Madagascar in tv, prova a guardarli da li, basta che allunghi un po il collo!"

"Amorina come stai? Bene a vedere così!"
"Mi sta un po passando..." dice, mentre con un pattino mi passa su un piede a 70 km/h.
"Pallino seduto! Ora mordi babbo!" Ordina.
"Marzia Pallino è un gatto.."

"Babbo?"
"Dimmi amore"
"Se ti lego alla sedia con la corda che si usa per saltare?"
"Ma perché non sei nata maschio??? A quest'ora staresti lottando in silenzio tra la vita e la morte in una lenta agonia!! Cosa fa babbo quando è malato???"
"Sta sdraiato sul letto moribondo a dire continuamente Sto Morendooo" risponde.
"Ecco brava, fai come babbo, come tuo fratello e come la stragrande maggioranza dei maschi del mondo!!"

E domani cascasse il mondo va a scuola!
(Meno male si ammala una volta all'anno)

lunedì 20 febbraio 2017

Pagelle!!!!

E sono arrivate finalmente le pagelle!!

Lorenzo va benissimo, è bravissimo, il risultato globale è Ottimo e bla bla bla come sempre.

La mia ciccina invece è passata dalla fase "Che bella la scuola si può giocare ridere e scherzare e fare tutti i disegnini e quanti amichetti ho conosciuto" a "Ho imparato a leggere, mi impegno, lavoro e ottengo risultati".

Così dicono le maestre, soddisfatte di lei, dopo un'inizio parecchio difficoltoso.
Brava Marzia, ci stai mettendo impegno, passione ed entusiasmo, i risultati si vedono.

Siamo fieri di te.

E siamo fieri anche di Lorenzo ovviamente, lui problemi a scuola non ne ha mai avuti, anzi...

Chissà da chi hanno preso

PS: i voti oscillano dall' 8 al 9, Lorenzo più 9 Marzia più 8

lunedì 9 gennaio 2017

Marzia e la scuola, tutta suo padre

Ho passato mezzo pomeriggio della domenica dedicandomi completamente a figlia-

- Marzia sei contenta che domani riapre la scuola?

- No! Io sto bene in vacanza!

- Brava piccina, fatti abbracciare, mi darai delle grandi soddisfazioni....finalmente una figlia normale. Che compiti ti sono rimasti da fare?

- Ehm, boh!

- Vieni fammi vedere il quadernino, dov'è l'hai nascosto....ah eccolo. Hai una poesia da imparare a memoria. Vieni che la studiamo assieme piccolina...e te Lorenzo vai un po in camera con quei libri, sempre su quei libri, mi metti l'angoscia, un ti posso vedè!

Mi metto figlia sulle gambe e inizio:
- Lunedì la lumachina inizia lenta la stradina, martedì il maialino si pulisce per benino etc etc etc

Dopo 10 volte, figlia:
- Lunedì la chiocciolina...

- Lumachina, amore, lumachina.

Dopo 30 volte, figlia:
- Lunedì la chiocciolina prende la strad...

- LUMACHINA CRISTOSANTO, LUMACHINA!! LUMACHINAAAAAAAAAAAA!!!! LO FAI APPOSTA!! DILLO CHE LO FAI APPOSTA, DILLOOOO!!

E niente, volevo rassicurare tutti che la mia ciccina è viva, incolume, e che la poesia io l'ho imparata, io..